Coronavirus, il bilancio di Montecarlo: 18 i contagiati, nessuno in ospedale

Il sindaco Carrara invita a rispettare in maniera rigorosa tutte le misure necessarie

“Purtroppo l’impennata dei contagi da Covid-19 non accenna a diminuire in tutta la nostra penisola e anche a Montecarlo dobbiamo tristemente riscontrare questo trend“. Lo afferma in sindaco, Federico Carrara, aggiornando i cittadini sulla situazione nel paese.

“Attualmente – dice – i soggetti positivi in isolamento nelle loro abitazioni, sono 18 e fortunatamente nessuno presenta un quadro clinico preoccupante. Di questi 5 sono di un unico nucleo familiare, 3 di un altro nucleo e 2 di un altro nucleo ancora ed il resto sono situazioni singole. I familiari e le persone che hanno avuto contatti con i soggetti positivi sono tutti in quarantena”.

“La Asl Toscana nord-ovest, dopo aver prontamente attivato i protocolli previsti, continua a monitorare la situazione – prosegue i sindaco – La situazione è relativamente tranquilla rispetto ai casi che sono stati riscontrati nei Comuni limitrofi. Alle persone positive e alle loro famiglie, va tutta la mia solidarietà e la vicinanza. Preme precisare che il dato dei contagiati però non è fisso, ma in continua evoluzione; infatti quotidianamente sul portale Sistema informativo sanitario per la prevenzione collettiva della Regione Toscana, vengono inseriti gli aggiornamenti del caso, sulla base dei soggetti negativizzati e dei nuovi positivi refertati”.

“In qualità di sindaco  – dice ancora – rinnovo ai miei concittadini l’appello di tenere comportamenti responsabili per evitare un ulteriore peggioramento della curva dei contagi, continuando a rispettare in modo rigoroso tutte le misure necessarie a ridurre il rischio di trasmissione quali lavaggio delle mani, l’uso delle mascherine e il distanziamento fisico. So che il momento non è facile. Siamo già stati messi a dura prova nella primavera scorsa e dopo alcuni mesi di tregua, ci sono richiesti nuovamente sacrifici. E’ un grande sforzo quello che viene richiesto a tutti noi, ma per il bene comune è necessario”.

“In vista della prossima ricorrenza della commemorazione dei defunti – conclude – si raccomanda a tutti coloro che si recheranno al cimitero di rispettare le precauzioni del caso e di permanere all’interno dell’area per il tempo strettamente necessario per un saluto ai propri cari, onde dare modo a tutti di farlo in sicurezza. Ricordo inoltre che fino al 19 novembre le utenze non domestiche interessate dalla chiusura della propria attività nel periodo dell’emergenza Covid-19, potranno presentare richiesta di contributo per il pagamento della seconda rata del primo acconto 2020 della tariffa corrispettiva”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.