Anche a Porcari scatta il divieto di bruciare all’aperto

Il sindaco ha firmato l'ordinanza

Da domani (1 novembre) e fino al 31 marzo scatta il divieto, anche su tutto il territorio di Porcari, di bruciare all’aperto. La concentrazione di polveri sottili nell’aria tende infatti ad aumentare durante l’autunno e l’inverno e la pratica dell’abbruciamento peggiora la situazione.

La misura è stata stabilita con un’ordinanza firmata dal primo cittadino, Leonardo Fornaciari. L’atto, in linea con il Pac, il piano di azione comune della Piana di Lucca, fa proprie le indicazioni del piano regionale per la qualità dell’aria.

Il divieto riguarda l’abbruciamento di biomasse derivanti dalle attività agricole e forestali, dalla pulizia di parchi, giardini e aree agricole, boscate e verdi. Ma anche da attività di cantiere, attività artigianali, commerciali, di servizi e produttive in genere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.