Fdi Capannori: “Voucher di prossimità per sostenere le attività locali”

La proposta di Matteo Petrini e Paolo Ricci all'amministrazione comunale per far fronte all'emergenza Covid

Voucher di prossimità come sostegno alle attività locali. È la proposta di Matteo Petrini e Paolo Ricci, rispettivamente coordinatore e consigliere comunale di Fratelli d’Italia Capannori.

“La crisi economica e sociale scaturita dall’emergenza Covid-19, che purtroppo sta riguardando le attività commerciali del nostro comune – si legge nella nota – ha bisogno di interventi concreti e può essere affrontata solamente mediante strumenti eccezionali finalizzati a facilitare la ripresa delle piccole iniziative economiche ed a offrire concrete opportunità per supportare realtà come i negozi di vicinato. Per questo, come già fatto in altri comuni, proponiamo l’introduzione di voucher convertibili, di prossimità, che costituirebbero un forte stimolo di ripresa dell’economia locale”.

“La modalità di utilizzo si baserebbe su un patto tra il Comune di Capannori, le famiglie capannoresi e le piccole imprese – prosegue la mnota – al fine di trattenere ricchezza nel proprio territorio e attuare una solidarietà concreta mediante la salvaguardia delle capacità reddituali delle imprese e delle famiglie. I voucher di prossimità prevedono il rilascio di un buono spesa al quale, nei confronti del cittadino, è aggiunta un’ulteriore scontistica (solitamente pari al 10% sul valore del cartellino). I voucher, stampati a cura del Comune e consegnati ai titolari delle attività commerciali di prossimità aderenti all’iniziativa, saranno distribuiti da questi ai cittadini, i quali potranno utilizzarli presso gli esercizi aderenti a seguito di un acquisto di valore superiori all’importo del voucher”.

“In sostanza – conclude la spiegazione – recandosi iun’attività aderente ed effettuando un acquisto dal valore minimo X, il cliente riceverà il voucher da spendere in altre attività aderenti ove effettuerà una spesa del valore di X. Un’iniziativa che consegnamo al sindaco Menesini e che speriamo di vedere presto realizzata. Per il bene delle nostre attività, che vedrebbero arrivare con immediatezza liquidità nelle proprie casse. E per il bene dei capannoresi, che potranno così risparmiare e al tempo stesso comprare sotto casa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.