Quantcast

Buoni spesa per le famiglie in difficoltà a Capannori: c’è tempo fino al 15 gennaio per richiederli

Ad oggi sono stati consegnati a 560 nuclei familiari per un totale di 1936 cittadini, di cui 95 sono minori di 3 anni, per un totale di 155490 euro

Scadrà il 15 gennaio la possibilità di richiedere al Comune di Capannori i buoni spesa previsti per coloro che si trovano in difficoltà economica a causa dell’emergenza coronavirus e che non riescono ad acquistare in autonomia generi di prima necessità come il cibo.

Con i buoni spesa istituiti dall’amministrazione Menesini, grazie alle risorse messe a disposizione dal governo ed erogati dallo Sportello emergenza, i beneficiari possono acquistare generi alimentari e di prima necessità come prodotti per l’igiene personale e della casa, farmaci e integratori alimentari, sia nei negozi di vicinato del territorio, sia nei punti vendita della grande distribuzione che aderiscono al progetto.

Ad oggi sono stati distribuiti buoni spesa a 560 nuclei familiari per un totale di 1936 cittadini, di cui 95 sono minori di 3 anni, per un  totale di  155490 euro.

Visto il perdurare delle misure restrittive, a seguito del decreto legge Natale, che ha istituito le zone rosse durante le festività, con ricadute sulle famiglie già colpite da gravi problemi di disagio, l’amministrazione ha inoltre deciso di erogare un ulteriore contributo economico a favore dei nuclei familiari già beneficiari, fino ad un terzo del contributo già assegnato. L’assegnazione avverrà in modo automatico a partire dal 15 gennaio senza necessità di ulteriori richieste ed i cittadini interessati saranno contattati direttamente per il ritiro dei buoni spesa presso gli sportelli territoriali.

“I buoni spesa costituiscono un aiuto importante in questo momento in cui molte famiglie si trovano in difficoltà economica a causa dell’emergenza sanitaria – sostiene il vicesindaco con delega alle politiche sociali, Matteo Francesconi – Siamo quindi soddisfatti che finora ne abbiano usufruito quasi 2000 cittadini. Alla luce del proseguimento delle misure restrittive che genera ulteriori difficoltà alle famiglie abbiamo deciso di aumentare l’importo dei buoni spesa per i cittadini già beneficiari in modo che abbiano a disposizione ulteriori risorse per l’acquisto di generi alimentari e di prima necessità”.

Si ricorda che per accedere al beneficio economico è necessario essere residenti nel Comune di Capannori e avere un introito economico mensile attuale del nucleo familiare inferiore ai seguenti importi: 1030 euro per un nucleo fino a 2 componenti; 1545 euro per un nucleo di 3 componenti,  2060  euro per un nucleo di 4 componenti, 2575 euro per un nucleo di 5 o più componenti. Inoltre è necessario possedere una somma del saldo al 30 novembre 2020 dei conti correnti intestati ai componenti del nucleo familiare presso depositi bancari o postali che non sia superiore a 6mila euro.

Per richiedere i buoni spesa è necessario utilizzare il form presente sul sito internet del Comune nella sezione Servizi online accedendo tramite  Spid.

Chi fosse impossibilitato a presentare la domanda on-line in autonomia può recarsi, previo appuntamento, agli sportelli attivi all’Urp nella sede comunale, alla Casa della Salute di Marlia e allo Sportello al cittadino di San Leonardo in Treponzio. I vuoni spesa possono essere ritirati alla sede comunale (piano terra) e allo Sportello al cittadino di Marlia.

Per chiedere informazioni sui buoni spesa o prendere appuntamento per recarsi presso uno degli sportelli territoriali, è necessario telefonare al numero 0583 428723  o scrivere una mail all’indirizzo emergenza@comune.capannori.lu.it. Il servizio di informazione e registrazione appuntamenti è attivo dal lunedì al sabato ore 9-14, il martedì e giovedì anche nell’orario 14.30 – 17.30 (escluso festivi).

Nel frattempo sono partiti da parte degli uffici i controlli a campione volti a verificare la veridicità delle dichiarazioni di chi ha fatto richiesta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.