Porcari, al via i lavori per i progetti votati dai cittadini a Rughi e Padule foto

Verrà riqualificato il parco Don Turno Simi e nascerà un marciapiede in via Fossanuova

Si conclude il progetto sperimentale di partecipazione diretta PorcariLab, che ha messo in contatto la cittadinanza delle frazioni di Rughi e Padule con gli enti amministrativi, per scegliere le opere da realizzare. Inizieranno a breve i lavori che sono stati selezionati direttamente con una votazione online al termine del percorso partecipativo PorcariLab, curato da Tiziana Squeri di Eubios e cofinanziato dalla Regione Toscana.

Grazie allo stanziamento complessivo di 140mila euro di risorse comunali nasceranno a Rughi L’isola dei bambini, dalla riqualificazione del parco giochi dell’area Don Turno Simi, e nel Padule, il percorso pedonale con marciapiede sulla via Fossanuova, all’incrocio con via Boccaione, e la messa in sicurezza con guard rail del pericoloso ‘curvone’ di via Fossanuova, nelle vicinanze dell’impianto fotovoltaico.

I progetti ‘vincitori’ sono stati scelti fra i quattro che erano stati presentati e discussi nelle assemblee pubbliche svolte sul territorio, prima della pandemia di Covid-19. La decisione è avvenuta fra il 19 maggio e il 7 giugno dello scorso anno e l’1 luglio sono stati annunciati pubblicamente i risultati. Adesso, a meno di sei mesi di distanza, è stato chiuso il bando per i lavori ed è stata firmata la determina di affidamento. Terminati i passaggi burocratici successivi alla stipula del contratto entrambi i cantieri potranno vedere la luce.

Soddisfatto per l’esito del primo percorso partecipativo di questo genere mai avviato sul territorio del Comune di Porcari il sindaco, Leonardo Fornaciari: “Coinvolgere le persone nella progettualità delle opere sul territorio – dice – è stato un grande risultato di PorcariLab. Decine di residenti hanno dedicato il loro tempo per discutere, e poi decidere, le opere migliori per la propria comunità di riferimento. Il tutto in un confronto ampio e libero che ha rappresentato una preziosa esperienza per la nostra amministrazione”.

PorcariLab è il primo processo partecipativo che permette ai cittadini di due frazioni, in questo caso della frazione di Rughi e Padule, di scegliere quale opera progettuale, l’ente amministrativo porterà avanti – spiega il vice sindaco di Porcari e assessore ai lavori pubblici, Franco Fanucchi, che ha seguito l’intera procedura – Il percorso è stato lungo e ha visto numerosi incontri e riunioni in presenza, faccia a faccia, con le persone che abitano nella zona, il progetto è stato in parte finanziato dalla Regione Toscana con 9 mila euro e ampliato con fondi provenienti dal bilancio, con altri 4 mila euro, per un totale di 13 mila euro”.

“La partecipazione delle persone che vivono nel contesto è stata essenziale, ed essenziale è stato anche l’intervento che ha visto lo stanziamento di due fondi di 70 mila euro per ognuno dei progetti che sono stati scelti – conclude Fanucchi – Il mio più sincero ringraziamento va a Tiziana Squerib, che ha coordinato in maniera ineccepibile il lavoro e alla Regione Toscana, per il finanziamento messo a disposizione”.

Pietro Ramacciotti consigliere responsabile del progetto di Rughi, illustra l’iter che ha portato alla scelta dell’opera da realizzare:
“Ringrazio anch’io Tiziana per l’impegno messo nella realizzazione di questo progetto, un progetto pilota che è andato al di la delle più rosee aspettative.  La scelta è caduta sulla riqualificazione del parco giochi intitolato allo storico parroco Don Turno Simi, che è stato in carica 45 anni e ha portato al paese molte iniziative importanti che riguardano il sociale. Il parco nel tempo ha bisogno di riqualificazione e adeguamento alle normative attuali, con l’abbattimento delle barriere architettoniche. Si tratta di un progetto ambizioso per la creazione di un parco giochi inclusivo, alla portata di tutti, con l’impiego di un piano in gomma colata per giocare in tutta sicurezza – precisa il consigliere – Il parco diventerà un luogo di fantasia e colori e ci auguriamo che diventi anche un luogo di incontro per i bambini e i ragazzini di 12-13 anni, in cui poter socializzare e passare un po’ di tempo con i parenti, i nonni o i loro accompagnatori. E’ un primo passo per far si che la zona si trasformi in un luogo culturale per Rughi e per tutta Porcari, il parco si aggiunge ad altre opere già presenti come la tensostruttura per le attività sportive e il centro per anziani. I lavori inizieranno a marzo-aprile, perché il piano in gomma ha bisogno di un clima particolare per essere posato, lo spostamento è quindi dovuto esclusivamente a motivi tecnici e pratici. Il parco diventerà agibile prima dell’estate”.

L’assessore Fanucchi sottolinea l’impegno dell’amministrazione di Porcari, volto a incrementare al qualità della vita, partendo dalle giovani generazioni: “Tengo molto a questo progetto perché rientra in un ampia politica iniziata anni fa che ha visto al centro il recupero di numerosi parchi del territorio, ad indicare l’attenzione da parte dell’amministrazione alla qualità della vita fin dalla più tenera età”.

Simone Giannini consigliere referente per il progetto che riguarda il territorio di Padule, esprime il suo sostegno all’iniziativa intrapresa e illustra quali sono i vantaggi che ha portato PorcariLab a tutto il territorio: “Il bilancio partecipato è uno strumento che mette in contatto enti e cittadini, per il territorio di Padule, la loro scelta è caduta su due progetti finali. La realizzazione di un marciapiede in via Fossanuova e la messa in sicurezza sempre della medesima via, con l’installazione di un guard rail in concomitanza di un’ampia curva dove si sono verificati numerosi incidenti. Il progetto vincitore è stato quello della realizzazione di un marciapiede lungo 270 metri e largo 1,5 che offrirà più tranquillità a chi passeggia nell’area. Durante la gara d’appalto, è stato possibile risparmiare qualcosa dei 70 mila euro messi a disposizione per la sua realizzazione, in questo modo abbiamo deciso di mettere in sicurezza anche la curva con l’installazione del guard rail”.

“Alla fine è stato possibile realizzare entrambi i progetti, i lavori inizieranno la prossima settimana ed è per noi un enorme soddisfazione – conclude Giannini – La zona di Padule è diventata, in questi ultimi tempi, molto frequentata dalle persone per fare passeggiate e il nostro obiettivo è di estendere il marciapiede fino a via Boccaione”.

L’assessore Fanucchi precisa i motivi per cui è stato scelto di partire con i lavori da sud invece che da nord da via Boccaione: “Per la realizzazione del marciapiede è stato scelto di partire da sud perché la zona del curvone è molto pericolosa, inoltre in via Boccaione la strada è più stretta e il marciapiede avrebbe avuto dimensioni più piccole”.

Ci sarà il tempo per proporre nuove opere da realizzare attraverso il bilancio partecipato di PorcariLab? “Purtroppo – spiega l’assessore Fanucchi – a causa dell’emergenza Covid sarà difficile fare riunioni in presenza con la cittadinanza. Non escludo però che si possa decidere di iniziare un percorso, anche se molto lungo, per poi proseguire e concludere il progetto con la prossima amministrazione dopo il 2022”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.