Spunta una strada vicino al sito archeologico, preoccupazione per i lavori

I lavori scoperti dal Gac. L'assessore Cecchetti chiede rassicurazioni ai militari e alla soprintendenza

Fari puntati dell’amministrazione comunale di Capannori sulla strada in fase di costruzione da parte dei militari nell’area demaniale adiacente al sito archeologico di Tassignano.

In seguito alle segnalazioni del consigliere comunale Gaetano Ceccarelli e del Gac (Gruppo archeologico Capannorese), l’assessore alla cultura Francesco Cecchetti esprime preoccupazione in merito a questa nuova viabilità che potrebbe impattare sull’importante sito archeologico, dove dove sono stati fatti importanti ritrovamenti, tra cui quello di un cane rimasto sepolto per oltre 2mila anni sotto il balneum, cioè l’impianto termale, del sito archeologico Domus Aemilia (Tax C) di Tassignano, ritrovato durante una campagna di scavi del 2018 gestita dal Gac e finanziata da Comune di Capannori, Fondazione Banca del Monte di Lucca e Istituto comprensivo Carlo Piaggia di Capannori.

Per questo motivo Cecchetti chiede chiarimenti e rassicurazioni ai militari e alla soprintendenza in merito alla costruzione di questa nuova via e raccomanda la massima tutela dell’area archeologica.

Tanta la rabbia per il gruppo del Gac che ieri (27 gennaio), dopo tanto lavori e soddisfazioni, ha trovato cartelli e ruspe in azione proprio accanto ai resti della Domus: “Nell’area militare contigua al sito romano, ove palesemente il sito si estende, sono iniziati i lavori per la realizzazione di una strada, la cui valenza strategico-militare deve essere evidentemente fondamentale. Senza dubbio – scrive il gruppo – sono state necessarie complesse operazioni agrimensorie per progettare tale imprescindibile infrastruttura e per andarla a collocare con millimetrica precisione proprio sul sito archeologico…”.

Il Comune si è subito mosso, come annuncia il sindaco Luca Menesini: “L’assessore alla cultura Francesco Cecchetti si è attivato nei confronti dei Militari in merito alla strada che, seppur realizzata nell’area del demanio militare, potrebbe passare vicino al sito archeologico. Grazie a una segnalazione del Gac – Gruppo Archeologico Capannorese e del consigliere comunale Gaetano Ceccarelli siamo potuti intervenire subito. Quell’area è importante, è storia, e pertanto non deve essere toccata. Ci auguriamo anche che la Sovrintendenza ci rassicuri sul corretto svolgimento dei lavori”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.