Quantcast

Capannori, bocciata la mozione sulle telecamere: opposizione in trincea

Nuovo round con la maggioranza in consiglio comunale

E’ di nuovo tensione dopo il consiglio comunale a Capannori del 5 febbraio scorso. A passare all’attacco sono i gruppi di minoranza dopo che la mozione sull’installazione di nuove telecamere sul territorio è stata bocciata.

“La maggioranza, nel consiglio comunale tenutosi il 5 febbraio, ha bocciato la mozione presentata dall’opposizione unita, relativa all’istallazione di telecamere sul territorio di Capannori. Tale documento prevedeva un piano di incremento della sorveglianza cittadina, attraverso l’istallazione di nuovi impianti di videosorveglianza, nei punti strategici del comune – scrive l’opposizione in una nota congiunta -: incroci chiave, parcheggi die cimiteri, parchi pubblici e piazze.È sotto gli occhi di tutti il peggioramento dello status della sicurezza che ha colpito recentemente i nostri paesi. L’ultimo furto risale proprio al 5 febbraio, subito da una famiglia di Lammari. L’iniziativa, firmata da Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e Movimento 5 Stelle, aveva come obbiettivo quello di dissuadere i malviventi dall’agire e di aiutare le forze dell’ordine in eventuali indagini ex-post. Ebbene nulla di fatto. I motivi? È già in programma qualcosa di simile per i parcheggi dei cimiteri. Così la sinistra ha giustificato il proprio no”.

“Premesso il fatto che niente di simile risulta dalle tabelle del piano triennale delle opere pubbliche, a cui tale mozioni si ricollegava, il nostro lavoro era più ampio e riguardava una generalità di punti chiave, fra i quali anche i cimiteri. Ma, come già scritto sopra, non solo quelli. In fine, purtroppo, la discussione è degenerata, a causa dell’intervento di un consigliere che ha definito le proposte delle opposizione come fini a loro stesse e sempre in ritardo. Il tutto culminato dall’affermazione: l’opposizione precedente era più professionale. Premesso che – aggiunge la nota – il ritardo si ha quando una cosa è già stata fatta e, in questo ambito, nulla si muove nonostante anni di richieste, riteniamo che la valutazione della professionalità del lavoro di un consigliere sia da attribuire alle scelte dei cittadini. Chiunque presenzi all’interno dell’assise comunale, ha ottenuto la fiducia di questi ultimi. Di conseguenza merita rispetto. Eventuali manifestazioni di superiorità sono perciò da evitare. Detto questo, non abbandoneremo la questione. La sicurezza rimane un punto fondamentale sulla quale continueremo a lavorare. L’obbiettivo, da qui alla fine del mandato amministrativo, è lasciare ai cittadini una Capannori più sicura”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.