Capannori, approvata la mozione per estendere la rete idrica

Gli interventi riguarderanno i territori interessati dal raddoppio ferroviario, in particolare le frazioni di Paganico, Tassignano, Santa Margherita e Pieve San Paolo

Estendere la rete idrica sul territorio, implementare i fontanelli pubblici e valorizzare la ‘Via della Buona Acqua’ per promuovere l’acqua come bene comune. Sono queste le richieste contenute nella mozione presentata dal capogruppo del Pd Guido Angelini e dal presidente della commissione ambiente Francesco Borelli, a nome della maggioranza e approvata dal consiglio comunale nella seduta dello scorso 20 gennaio con i voti favorevoli della maggioranza.

Il documento, in particolare, chiede al sindaco e alla giunta che siano realizzati gli interventi di estensione della rete degli acquedotti previsti, programmati e finanziati nell’ambito del progetto del raddoppio della Ferrovia Pistoia- Lucca relativi alle frazioni di Paganico, Tassignano, S.Margherita e Pieve San Paolo definendo con Acque Spa, definendo un piano finanziario adeguato agli interventi e un preciso cronoprogramma dei lavori, nell’ambito nel biennio finanziario 2020/2021, affinché i cittadini di queste frazioni centrali del territorio possano usufruire di questo importante servizio pubblico.

“Considerato che l’amministrazione comunale ha rafforzato la rete dell’acqua pubblica con l’istallazione di nuovi fontanelli nei principali paesi della zona centrale del Comune, a Marlia in piazza del mercato, a Lammari in via Montale di fronte alla scuola primaria e dell’infanzia, a Capannori di fronte al parco pubblico – si legge nella mozione -. La mozione chiede di estendere la rete dei fontanelli pubblici, almeno in altre cinque frazioni del comune di Capannori: Lunata, Lammari, Tassignano /S. Margherita, Colle, Guamo e di promuovere la valorizzazione dell’acqua come ‘Bene Comune’ anche con nuove iniziative volte al recupero e al miglioramento dei percorsi della ‘Via della Buona Acqua, poiché questo sistema delle sorgenti e dei fontanelli pubblici consente una diminuzione notevole di bottiglie di plastica cosa che produce un beneficio ambientale consistente nella riduzione dei rifiuti di plastiche, di costi di smaltimento e di emissioni di inquinanti (CO2) in atmosfera”.

“E’ adesso il momento per rilanciare un rapporto stretto con Ferrovie sul progetto del raddoppio ferroviario e sulle opere relative ai servizi infrastrutturali fra i quali, in primis, la rete acquedottistica – dichiarano Angelini e Borelli-. Con le risorse previste nel bilancio di previsione 2021-2023 approvato recentemente chiediamo inoltre l’avvio di un progetto per la riqualificazione e per l’estensione dei fontanelli pubblici”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.