Nuovo sottopasso ad Altopascio, il comitato: “Sposta solo il traffico, serve la circonvallazione”

Un gruppo di cittadini della via Francesca Romea: "Non c'è la volontà di concludere le infrastrutture necessarie"

Sottopasso ad Altopascio, il comitato della via Romea risponde all’amministrazione dopo le recenti polemiche sul progetto. 

“L’amministrazione comunale di Altopascio continua a difendere senza riserve il nuovo progetto di sottopasso e l’annessa viabilità di accesso con argomenti che dimostrano di non essere mai stati sul posto per verificarne l’impatto – dicono per l’associazione Francesco Monachino e Antonio Toti – Del resto nell’unico incontro che abbiamo avuto si sono limitati a mostrarci una foto satellitare con sovrapposto un disegno di massima di una strada dicendo che quello era l’unico documento che avevano e che si doveva fare cosi’ o niente chiudendosi a ogni osservazione”.

“L’amministrazione afferma – prosegue la nota che il progetto consente una riqualificazione del quartiere della Francesca Romea, densamente abitato. Peccato che con il progetto previsto tutto il traffico, compreso il traffico pesante, venga semplicemente spostato cento metri più a nord lambendo in ogni caso il quartiere e attraversando zone ugualmente e forse più abitate della Francesca Romea. È evidente che tutti i gravi problemi di inquinamento per cui da decenni chiediamo una circonvallazione rimarranno inalterati”.

“Non ci sembra che un’autostrada che attraversa quartieri, zone residenziali e zone verdi possa essere definita riqualificazione – dice ancora il comitato – Non siamo contrari al sottopasso, ma vogliamo che prima si prendano decisioni certe e sicure sulla realizzazione della circonvallazione, anzi vogliamo prima la circonvallazione. Questo perché dopo decenni di confronti e promesse siamo giunti alla conclusione che la circonvallazione di Altopascio per motivi imperscrutabili non è una priorità di tutte le forze politiche che a tutti livelli si sono succedute nei governi locali come dimostrano i fatti. Anche l’attuale amministrazione comunale nelle promesse elettorali diceva che nell’eventuale sottopasso non dovevano passare i mezzi pesanti… Per inciso alcuni tecnici a cui abbiamo fatto vedere il progetto del sottopasso avanzano dubbi sul fatto che i mezzi pesanti possano transitarvi senza problemi”.

“Per questo siamo certi che se si realizzerà l’attuale progetto – conclude – non si parlerà più della circonvallazione. Del resto se in Garfagnana nel frattempo si sono fatti ponti, gallerie e viadotti mentre qui non si riescono a fare 5 chilometri in pianura vuol dire che non mancano i mezzi ma la volontà”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.