Quantcast

Alessandri (Fdi): “Si pensi al sostegno dei caregiver di persone con disabilità”

Il capo del dipartimento sociale e disabilità di Fdi Capannori: "In questo settore la pressione sociale è veramente alle stelle"

Politiche sociali del Comune di Capannori, interviene Giada Alessandri di Fratelli d’Italia.

“È passato un anno – dice – da quando questa pandemia è cominciata e durante questo tempo le lacune in ambito sanitario, economico e sociale sono emerse sempre di più. La pandemia e le conseguenti misure di lockdown hanno avuto ripercussioni importanti a livello personale, sociale ed economico. Ne ha risentito soprattutto la salute mentale della popolazione. La tensione sociale è a livelli alti, soprattutto colpisce le donne, i giovani sotto i 20 anni e particolarmente chi soffre di disabilità“.

La vera inclusione di queste persone non c’è mai stata – dice – e le mancanze che subiscono sono state ancor di più evidenti. Per tanti è mancata una rete istituzionale di supporto e il reale sostegno ai disabili è stato dato dal familiare che se ne prende cura, cioè il caregiver, figura non giuridicamente riconosciuta, né in alcun modo tutelata e ciò rivela in maniera inequivocabile quanto anch’esso sia invisibile, dato per scontato e considerato irrilevante. Tutto ciò, va detto, penalizza in modo particolare le donne, visto che ancora oggi la stragrande maggioranza di coloro che prestano assistenza informale è di genere femminile e sopperisce la mancanza delle istituzioni“.

“La pandemia di Covid-19 ha ulteriormente svelato tutta la fragilità dei buoni propositi – prosegue –  e l’inconsistenza di obiettivi normativi che non si accompagnano a un vero cambiamento culturale e sociale. Sono stati chiusi tutti i centri diurni, molti disabili sono rimasti “rinchiusi” in casa senza assistenza, le persone con scarso tessuto relazionale sono state abbandonate e non è andata meglio a quanti erano residenti nelle Rsa, dove si sono verificate silenziose stragi di una popolazione vulnerabile. Le persone affette da disturbi mentali hanno subito ripercussioni immense dalle misure d’isolamento, e la didattica a distanza era inaccessibile per i più. Non è esagerato finire dicendo che la pandemia ha rivelato l’inconsistenza e la fragilità che è stata fatta fino ad ora per una reale inclusione e che gli ottimi principi d’inclusione erano stati pensati per una società che non è preparata culturalmente e scarsamente sensibile alle fragilità”.

“Da mamma e caregiver di un ragazzo disabile – scrive Giada Alessandri capo del dipartimento sociale e disabilità di Fdi Capannori – mi sono sentita realmente abbandonata dallo stato e dalle istituzioni. Mi sarebbe piaciuto che per quel minimo di autonomia che hanno i territori, nel mio Comune si fosse pensato a qualche soluzione che avrebbe reso meno confinati i disabili in casa ed alleggerito noi caregiver dal “peso” giornaliero per l’accudimento del familiare”.

“Mi auguro – conclude Alessandri – visto il prolungarsi della situazione pandemica che si voglia realmente metter mano a questo perché la pressione sociale è veramente alle stelle. In questo ambito e per tutto il sociale Fratelli D’Italia si vedrà impegnato ad ogni livello per proporre alle competenti istituzioni pubbliche soluzioni concrete e migliorative della qualità della vita delle persone”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.