Quantcast

Si riqualificano l’orto urbano di Capannori e il Community Garden di Guamo

Arrivano 18mila euro dalla Regione nell'ambito del bando "Centomila Orti in Toscana"

Saranno riqualificati l’orto urbano di via per Corte Fontana a Capannori e il Community Garden   di Guamo che fanno parte del complesso degli orti capannoresi per il quale l’amministrazione comunale ha ottenuto un finanziamento di circa 18mila euro dalla Regione nell’ambito del bando Centomila Orti in Toscana.

L’orto urbano di Capannori, realizzato nel 2017, nell’area vicino al municipio, per potenziare le occasioni di socialità, scambio ed acquisizione di competenze e coesione sociale connesse alla pratica orticola, è suddiviso in 20 appezzamenti di 30 metri quadrati ciascuno coltivati da cittadini che risiedono nella zona. Quest’area destinata ad orto sociale sarà ora riqualificata attraverso la fornitura di nuovo terriccio, poiché essendo trascorsi diversi anni dalla sua realizzazione, il terreno non risponde più alle caratteristiche che dovrebbe avere per garantire la fertilità e la crescita delle piante. Saranno inoltre risistemati i vialetti pedonali interni che conducono ai vari lotti. Prevista anche la collocazione di cassette in legno per orti didattici e un pannello espositivo al fine di incentivare le finalità didattiche di sensibilizzazione alla coltivazione dell’orto.

Il Community Garden di Guamo, situato in via Nuova di Guamo, è nato nel 2019 da un’ idea di alcuni giovani della parrocchia di Guamo di ritorno da un campo di servizio e volontariato sui terreni confiscati alla mafia, di coltivare su un’area comunale i grani antichi a loro affidati dal presidio Libera di Castel Volturno. Ne è nato un patto di collaborazione tra il Comune e la parrocchia di San Michele Arcangelo di Guamo grazie al quale alcuni giovani della parrocchia coltivano in questo appezzamento l’antico grano Senatore Cappelli proponendo un modello culturale collettivo legato ai valori della lotta all’illegalità e utilizzando lo spazio anche per attività di aggregazione. Questo spazio sarà ora interessato da opere di riqualificazione, tra cui quelle necessarie all’allacciamento idrico e alla fornitura di acqua, all’abbattimento di barriere per garantire l’accesso anche a chi ha difficoltà motorie e all’installazione di una struttura in legno da destinare a ripostiglio per gli attrezzi. Saranno inoltre installate una panchina in legno e alcune cassette per orti didattici e sarà sostituito il pannello espositivo. Interventi quest’ultimi che interesseranno l’area, di 86 metri quadrati, dedicata ad attività didattiche e di aggregazione. Infine, l’area adibita ad orto, che ha una superficie di 371 metri quadrati, sarà provvista di una recinzione realizzata lungo tutto il suo perimetro con pali di pino e una rete a maglia che comprende anche due cancelli, di cui uno carrabile.

“Gli orti comunali svolgono una funzione importante perchè favoriscono la socializzazione, l’aiuto reciproco e il confronto tra persone che appartengono anche a generazioni diverse e, allo stesso tempo, consentono il recupero di terreni incolti e lo sviluppo di una cultura del consumo di prodotti a chilometri zero e quindi del cibo sostenibile che in questi anni la nostra amministrazione ha sviluppato con vari progetti ed iniziative – affermano l’assessore al distretto dell’economia civile, Francesco Cecchetti e l’assessore all’agricoltura, Serena Frediani – Nel caso del Community Garden di Guamo inoltre assistiamo anche ad un’opera importante di promozione dei valori legati alla lotta all’illegalità. Con le opere di riqualificazione che andremo a realizzare grazie al finanziamento regionale renderemo questi spazi più funzionali e più adatti anche all’attività didattica e integreremo le attività nell’ambito delle politiche del cibo intercomunali della Piana di Lucca portate avanti dalla Piana del cibo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.