“Uniti per riaprire i negozi di vicinato”, Fornaciari lancia la proposta ai sindaci della Piana

Il primo cittadino di Porcari si fa portavoce della protesta dei commercianti dopo l'incontro con l'associazione Porcari Attiva

“Uniti per la riapertura di tutti i negozi”. E’ questo l’appello che il sindaco di Porcari Leonardo Fornaciari ha lanciato ai colleghi della Piana di Lucca per dare risposta ai commercianti del territorio. L’obiettivo è quello di procedere in maniera congiunta con la riapertura delle attività di commercio di vicinato nel rispetto delle misure anti-contagio, per difendere un tessuto economico che è spina dorsale della vitalità dei piccoli comuni.

Questa mattina (8 aprile) il primo cittadino ha infatti incontrato in municipio una delegazione dell’associazione Porcari Attiva, centro commerciale naturale di Confcommercio, in rappresentanza degli esercenti del centro commerciale naturale del paese. Con lui anche l’assessora competente Eleonora Lamandini. Un momento di ascolto e di confronto, convocato con tempestività, che si è concluso con l’impegno dell’amministrazione comunale ad avvalorare nelle opportune sedi istituzionali le ragioni delle categorie economiche.

“Non possiamo rimanere in silenzio mentre le nostre attività si spengono. Ogni negozio – dice Leonardo Fornaciari – è un pezzo di storia delle nostre comunità. I problemi espressi questa mattina dai commercianti di Porcari sono gli stessi che vivono i commercianti di ogni luogo, e se è vero che l’unione fa la forza, allora ritengo irrimandabile un fronte comune, politico, che spinga per le riaperture”.

“Il lavoro è misura della dignità della persona. Anche per questo – prosegue il sindaco di Porcari – non possiamo ignorare le gravi difficoltà di chi vive della propria attività commerciale. I ristori del governo sono tardivi e insufficienti rispetto a un così prolungato tempo di serrande abbassate: non possiamo rischiare di correre ai ripari quando i buoi saranno tutti scappati. Non ci sarà possibilità di recupero se chi fa impresa chiude”.

“Una società sana – aggiunge Fornaciari – non vive di politiche di assistenzialismo ma mette in campo le scelte migliori affinché tutti possano fare la propria parte per un benessere quanto più condiviso. In questo preciso momento storico il valore più alto è la reciprocità. Abbiamo imparato che dai comportamenti dei singoli dipende la salute e la libertà di moltissime persone e questa è una lezione che ci indica la strada per riaprire: occorre fiducia nel rispetto dei protocolli anti-contagio, che esistono e che le attività di vicinato per prime hanno sperimentato con scrupolo. Distanziamento, ingressi contingentati, gel igienizzante, mascherina”.

“Come sindaci – conclude Fornaciari – siamo i primi responsabili della salute dei cittadini. Ecco perché abbiamo fatto il possibile in questi 13 mesi per non lasciare indietro nessuno e al contempo mettere in atto ogni misura necessaria al contenimento del coronavirus. Ma la salute non è solo assenza di malattia fisica e nostro preciso dovere è occuparci anche della serenità dei nostri cittadini: molti hanno un’attività commerciale, molti lavorano come dipendenti del commercio, tutti sanno che una strada con le luci dei negozi accese è una strada viva e sicura”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.