Quantcast

Tuscany 4 shoes, la rete di imprese del calzaturiero si è insediata al polo tecnologico di Segromigno

È costituita da 54 aziende e ha l'obiettivo di rilanciare il settore sviluppando una maggiore competitività

Si è insediata oggi (22 giugno), al polo tecnologico di Segromigno in Monte, la rete di imprese del calzaturiero Tuscany 4 shoes. A consegnare le chiavi della sede, assegnata tramite un bando del Comune, al vicepresidente della rete Davide Chelini e al coordinatore Roberto Lenci, sono state l’assessore all’innovazione e al polo tecnologico, Lucia Micheli e la consigliera delegata per il calzaturiero, Lia Miccichè.

La rete di imprese, di cui è presidente Roberto Scaramucci, è costituita da 54 aziende del settore ed è nata dopo un importante percorso di confronto con le imprese grazie ad un’operazione guidata dall’amministrazione Menesini nell’ottica di rilanciare e favorire lo sviluppo di questo importante e storico comparto produttivo del territorio capannorese particolarmente colpito dalla pandemia. Obiettivo della rete di imprese, che è nata grazie anche al contributo della Camera di Commercio di Lucca e alla collaborazione di Navigo e, in particolare, del suo direttore Pietro Angelini, è quello di fare squadra su tutta una serie di azioni, interventi e servizi per il distretto in chiave di marketing territoriale e promozione del cluster, progetti innovativi su ricerca e sviluppo, progetti europei, innovation tecnology, eventi e internazionalizzazione, networking e training.

“Con l’ingresso della rete Tuscany 4 shoes, il polo tecnologico si arricchisce di una presenza importante con forti legami con il territorio – affermano l’assessore Lucia Micheli e la consigliera comunale Lia Miccichè – Al tempo stesso la rete di imprese del calzaturiero potrà avvalersi delle significative competenze presenti all’interno di questa struttura per quanto riguarda l’innovazione, il trasferimento tecnologico e la formazione, aspetti importanti per il rilancio e lo sviluppo del settore calzaturiero sia a livello nazionale che internazionale. La rete di imprese nasce da un partecipato percorso promosso dalla nostra amministrazione per sostenere un comparto molto significativo, non solo sotto l’aspetto economico, ma anche per la storia e la tradizione del nostro territorio, grazie all’aggregazione e quindi alla collaborazione delle numerose aziende che ne fanno parte. Per questo sarà in grado di accettare le sfide del futuro e compiere importanti passi avanti sulla strada dell’innovazione e dello sviluppo tornando ad essere competitivo nel proprio settore”.

Tra le azioni che promuoverà la rete di impresa ci sono un cluster 4.0 con strumenti online che consenta di sviluppare il mercato anche a livello internazionale e l’innovazione ed eventi di custom aziendali. La sua attività si concentrerà anche sulla formazione aziendale per lo sviluppo di una maggiore competitività. In questo ambito c’è già un’ azione concreta con il corso di formazione post diploma per addetti del settore in programma in autunno realizzato con Mita Academy, l’istituto tecnico superiore Moda di Scandicci e in collaborazione con Cna Lucca. La rete inoltre lavorerà anche per il reperimento di risorse in ingresso attraverso vari canali, tra cui quelli europei.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.