Quantcast

Marginone riparte con la sagra del cencio: eventi da mille persone, si entra con il green pass

La tradizionale festa giunge alla 40esima edizione con un format tutto nuovo a causa della pandemia

La sagra del cencio si farà. Marginone, nonostante le incertezze legate alla pandemia, riparte dalla sua tradizionale festa che è pronta a spegnere 40 candeline. A ben 691 giorni dall’ultima serata della 39esima edizione e dopo lo stop del 2020, la sagra riparte con nove serate, nel parco del Circolo Forima, di cui cinque dedicate alle orchestre italiane leader del ballo liscio e della musica popolare e due fine settimana (14-15 e 21-22 agosto) per i più giovani con le cover-band di Vasco Rossi, i Negramaro e Renato Zero.

Una festa nel segno della sicurezza e del tutto rinnovata a causa delle normative anticovid: alla sagra del cencio potrà accedere solo chi sarà in possesso del Green Pass. Dal 6 agosto, infatti, entrerà in vigore un nuovo decreto che prevede l’obbligo della certificazione verde anche per l’accesso alle sagre. Basta una sola dose di vaccino, un tampone rapido negativo entro le 48 ore precedenti o la guarigione dal Covid-19.

Dopo il campionato nazionale di ciclismo per giovani (che si svolgerà il 14 agosto sul territorio), di cui il comitato è partner organizzativo, ci saranno quattro concerti in esclusiva per la Toscana: l’orchestra Omar Codazzi (16 agosto); Matteo Tarantino con La Tarantina (17 agosto); l’orchestra Omar Lambertini e Ama (Anna Maria Allegretti) che ha scelto Marginone tra le quattro uniche date in Italia (19 agosto); l’orchestra Bagutti (20 agosto). Il 18 agosto sarà invece la volta dell’orchestra Pietro Galassi. Sabato 21 agosto, a chiusura dell’evento, se esibirà la scuola italiana di Wrestling, che da anni collabora con il comitato paesano.

L’evento è stato presentato questa mattina (23 luglio) dal presidente del comitato paesano Festeggiamenti, Simone Biagi, e dalla sindaca di Altopascio Sara D’Ambrosio.

“Finalmente ripartiamo con una manifestazione incentrata su divertimento e socialità, due cose che abbiamo completamento perso negli ultimi due anni – le parole di Simone Biagi -. Sarà una festa nuova a causa delle norme anticontagio, ma siamo contenti di ripartire. Lo ammetto: sono curioso ma allo stesso tempo timoroso, è come ripartire da zero, un po’ come il primo giorno di scuola. È fondamentale ripartire seguendo tutte le regole e facendo squadra con le istituzioni”.

“In questo anno e mezzo c’è stato un confronto costante con Simone e il comitato paesano di Marginone – sottolinea la sindaca -. Da parte nostra c’è tutto il supporto possibile per la festa. Lo scorso anno, in accordo con tutti i comitati, abbiamo deciso di fermarci a causa dell’incertezza della situazione e per dare una mano a bar e ristoranti. Quest’anno l’incertezza resta, ma si può ripartire da alcuni punti fermi. La festa di quest’anno è ripensata, sarà un evento sicuro. Il Circolo è un luogo importante per Marginone, uno spazio per la socialità a 360 gradi, un punto di ritrovo protagonista anche di numerose iniziative. Quest’anno era giusto dare un segno di presenza”.

Saranno mille i posti disponibili, tutti a sedere: “Purtroppo quest’anno non si potrà ballare a causa delle normative anticontagio – spiega il presidente Simone Biagi -. Per lo stesso motivo ci saranno anche meno posti disponibili per cenare, così da aumentare la distanza tra i tavolini. Si entra solo su prenotazione, anche a cena. L’area sarà recintata, con unico ingresso zona campo: qui verranno svolti i controlli dagli addetti alla sicurezza, potrà entrare solo chi sarà in possesso del Green Pass. Stiamo pensando anche ad allestire, in accordo con la farmacia, un punto per effettuare i tamponi”.

L’evento, organizzato dal comitato paesano Festeggiamenti, ha il patrocinio del comune di Altopascio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.