Quantcast

Zappia (Lega): “Reti Ambiente? Un altro poltronificio della sinistra”

Il consigliere di Capannori interviene dopo la nomina di un nuovo direttore generale

“Reti Ambiente? Un poltronificio”. La pensa così il consigliere della Lega Bruno Zappia.

“Nominato un nuovo direttore generale del gestore di Retiambiente, che ingloba le società Ascit, Rea, Reofor, Ersu e Sea, ciascuno con un suo consiglio di amministrazione) con i suoi molteplici direttori e funzionari direttivi – dice il consigliere – Avevo ragione quando dicevo che dobbiamo mantenere il carrozzone. Ecco da dove vengono e verranno i rincari delle bollette. Per i cittadini si registrano aumenti per poltrone democratiche garantite per circa 500mila euro all’anno“.

“Come consigliere comunale – dice – sto informando il partito anche a livello regionale sull’esito di diversi accessi agli atti, riscontrando diversi profili di illegittimità. Invieremo presto a breve un report ad Anac per denunciare questa vera e propria moltiplicazione dei pani e delle poltrone democratiche, a discapito dei cittadini che si troveranno a pagare di più. Ma in tutto questo l’amministrazione di sinistra cosa fa? Silenzio tombale?“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.