Quantcast

Tombini pericolosi e asfalto sgretolato, Zappia: “A Capannori problemi semplici mai risolti” foto

Il consigliere della Lega: "Perché gli uffici preposti non si attivano?"

“Piccoli e semplici problemi ma ancora tutti da risolvere”. Il consigliere comunale della Lega di Capannori Bruno Zappia, dopo tante richieste ‘inascoltate’, torna ad alzare la voce: “Sono trascorsi più di cinque mesi da quando ho presentato agli uffici dei lavori pubblici la richiesta di sistemare il pozzetto che si trova in via Masini a Lammari dove c’è da sistemare anche l’asfalto che è sgretolato”, scrive il consigliere.

“Questa strada – spiega – è molto trafficata e gli abitanti che vi abitano vicino non ce la fanno più a causa del rumore assordante al passaggio dei tir e delle auto. Perché, mi chiedo, gli uffici preposti non si attivano a risolvere questi piccoli e semplici problemi che veramente sono cose da poco? Sembrerebbe – continua Zappia – che nel Comune ci siano solo due imprese che eseguono i lavori, poichè lavorano sempre le stesse. Per togliere ogni dubbio, ho inviato un esposto al prefetto per sapere come avvengono le assegnazione di queste gare d’appalto”.

“Oltre a questo, un altro problema di facile risoluzione sono i tombini a Capannori che rendono pericolosa la circolazione. Per evitarli  – conclude il consigliere – c’è il pericolo di fare incidenti e di spaccare le gomme. Inoltre, quando vengono attraversati, fanno un rumore assordante e per chi abita nelle vicinanze è molto fastidioso”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.