Quantcast

Celtex, Marchetti: “Successi intestati ad altri anche se dipesi dal nostro piano urbanistico”

Il candidato sindaco di Altopascio: "La pianificazione si vede nel lungo periodo e i risultati di oggi sono merito nostro"

Il candidato sindaco Maurizio Marchetti interviene sulla vicenda della Celtex a Altopascio.

“Intestarsi vittorie, come ha tentato maldestramente di fare il sindaco uscente, è l’ennesimo episodio di un sistema che vuole gettare fumo negli occhi dei cittadini-elettori. Infatti, se la Celtex e tante altre aziende hanno potuto fare interventi significativi di recupero di aree e fabbricati dismessi è solamente grazie allo strumento urbanistico vigente, ovvero quello elaborato dalla precedente amministrazione con me sindaco e assessore all’urbanistica Francesco Fagni – commenta Marchetti -. La mistificazione deriva dal fatto che in cinque anni questa amministrazione comunale non ha fatto alcun provvedimento in tal senso, semmai creando problemi a causa dello smantellamento degli uffici e della macchina comunale”.

“Correttezza vorrebbe quindi di evitare troppa retorica, che viene sistematicamente usata per coprire cinque anni di nulla, e dare i meriti a chi li ha. Da parte nostra certamente vogliamo creare i presupposti per dare ulteriore slancio al settore industriale e artigianale, proseguendo nella linea tracciata prima di questi cinque anni inutili i cui frutti, come si vede, sono chiari – conclude Marchetti -. La pianificazione urbanistica, ad Altopascio, come altrove, si vede nel lungo periodo e questi risultati di oggi, che comportano occupazione e benessere come succede sempre quando aziende importanti possono sviluppare le loro idee, sono merito nostro. Quelli che ci sono ora, come in tanti altri ambiti, sono stati passivi e quindi dovrebbero avere il buon gusto di dire la verità e non fare la solita figura da ipocriti e succhiaruote del lavoro altrui”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.