Quantcast

“Manca l’agibilità”, l’esordio della Nottolini a porte chiuse

La denuncia di Fratelli d'Italia: "Una svista da parte del Comune che ha dell'incredibile"

Il Palapiaggia non ha ancora l’ok all’agibilità e l’esordio della Nottolini in campionato sarà a porte chiuse. E’ di nuovo polemica a Capannori per la palestra della società di volley che si trova a dover affrontare un’altra situazione di disagio.

A sostenerlo, incalzando l’amministrazione, è Fratelli d’Italia che, in una nota, racconta quanto successo nelle ultime ore. “Io stesso – dichiara Matteo Petrini, capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale – ho cercato di acquistare il biglietto per assistere all’esordio stagionale della squadra ma, purtroppo, non mi è stato possibile. Il motivo, per quanto abbiamo potuto verificare, è assurdo: manca l’idoneità e agibilità della palestra, documento che doveva pervenire dal Comune di Capannori“.

“Una svista – prosegue Petrini – che ha dell’incredibile, considerando che non permetterà alla squadra di essere incitata dai propri tifosi nè alla Nottolini stessa di poter contare sull’incasso della serata“.

“La Nottolini farà il suo esordio domani (16 ottobre, ndr), ma dovrà farlo senza i suoi tifosi. Una situazione paradossale – fa eco Paolo Ricci, presidente del Circolo capannorese di Fratelli d’Italia – e unica, crediamo, in tutta Italia. Perchè, il Comune e in particolar modo l’assessore allo sport, non ha provveduto a decretare il nulla osta in questione? Perchè – continua Ricci – la società sportiva più importante del capannorese deve essere considerata in questo modo?”.

“Tornare indietro – concludono Petrini e Ricci – pare ormai difficile. Ci auguriamo che, fin dal prossimo match, l’amministrazione provveda a firmare il foglio necessario al nulla osta e consenta al pubblico, e alla Nottolini, di spingere la squadra verso i risultati che merita”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.