Quantcast

Medici di famiglia fuori dalla casa di riposo, i sindacati: “Garantire il rientro in struttura”

Rossi e Fontana: "Devono essere parte integrante dell'insieme dei servizi territoriali presenti"

Medici di famiglia trasferiti negli ambulatori sopra la farmacia di Marlia. A esprimere preoccupazione per lo spostamento dalla struttura socio sanitaria sono Rossano Rossi della Cgil di Lucca e Francesco Fontana della Spi Lega Piana di Lucca.

“Chi negli ultimi quindici giorni si è recato alla Casa della salute di Marlia per rivolgersi al proprio medico di famiglia, ha trovato sulla porta di ingresso un cartello che informava del trasferimento dei medici di famiglia agli studi medici sopra la farmacia di Marlia – spiegano -. In passato avevamo segnalato la nostra preoccupazione per la soppressione del servizio di segreteria a supporto dell’attività svolta dai medici di medicina generale presenti nella struttura socio sanitaria, con conseguenti disagi nel servizio dato. Una scelta che ha indebolito il ruolo che devono avere i medici di famiglia, soggetti fondamentali di presidio sul territorio, prima necessaria risposta alle persone e porta di accesso al sistema socio sanitario. Attività queste da mantenere e programmare all’interno del sistema socio sanitario pubblico e territoriale.  La fuoriuscita di questo servizio essenziale dalla struttura pubblica è un ulteriore indebolimento del ruolo e del servizio dato dai medici di famiglia”.

“Avendo presente l’importanza degli investimenti e degli interventi strutturali di adeguamento del complesso della struttura socio sanitaria di Marlia, che dovranno consentire un miglioramento dell’insieme dei servizi socio sanitari presenti, perché siano capaci di rispondere alle persone con la presa incarico dei bisogni espressi e nell’accompagnamento ai percorsi di cura e assistenza necessaria – concludono i sindacalisti – chiediamo al sindaco di Capannori e al direttore sanitario di garantire che nella rinnovata struttura si creino le condizioni  per avere la presenza dei medici di famiglia con i servizi di supporto necessari (come la segreteria) che devono essere parte integrante dell’insieme dei servizi territoriali presenti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.