Quantcast

Allo stadio di Marlia il flashmob dello sport che dice ‘no’ alla violenza di genere

Circa 200 i rappresentanti delle associazioni sportive del territorio che hanno aderito all'iniziativa

Insieme allo sport contro la violenza di genere. È questo il messaggio veicolato dal flashmob andato in scena ieri (6 dicembre) allo stadio di Marlia e promosso dalla Commissione pari opportunità e dal Comune di Capannori in collaborazione con l’associazione Telia.

Dopo gli interventi dell’assessora ai diritti Serena Frediani, della presidente della commissione pari opportunità Alice Pani e della presidente di Telia Ilaria Cardella e la lettura di frasi contro la violenza di genere lette dai portavoce di ciascun gruppo sportivo, circa 200 rappresentanti di una ventina di associazioni sportive del territorio hanno dato vita a una coreografia per dire ‘no’ alla violenza sulle donne.

A prendere parte al flashmob sono state Black Mamba, Centro ippico San Martino, Cgf Artistica EmGloy, Danza Armonia, Donne in pista, Drk Sport, Folgor Marlia, Folgor Segromigno, Hagakure Karate, L’allegra Brigata, Libertas, Lucchese calcio, Lucchese calcio femminile, Marciatori marliesi, Nuove Pantere baseball e softball, Pallavolo Nottolini, Panathlon, Polisportiva Porcari, Pugilistica Lucchese, Unione veterani dello sport, Virtus Lucca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.