Quantcast

Stop alla plastica usa e getta: a Capannori al via il progetto “Senza di te… si può fare”

Cinque le azioni in programma: via le bottigliette di plastica dai distributori automatici. A primavera parte la distribuzione di oltre 8mila bottiglie di vetro alle fonti della ‘via dell’acqua’

Cinque semplici azioni per ridurre l’utilizzo della plastica monouso sul territorio di Capannori. Questo l’importante obiettivo del nuovo progetto “Senza di te…si può fare” varato dall’amministrazione Menesini per limitare al massimo l’uso della plastica “usa e getta” proseguendo e potenziando con nuove iniziative un’azione già iniziata da tempo con la realizzazione della “via dell’acqua” per consentire l’approvvigionamento dei cittadini alle sorgenti del territorio, la distribuzione delle borracce in acciaio nelle scuole, l’introduzione di brocche per l’acqua sulle mense scolastiche, l’eliminazione di bicchierini per il caffè nei distributori automatici della sede comunale.

Giordano Del Chiaro progetto stop plastica

Il nuovo progetto è stato presentato stamani (21 gennaio) dall’assessore all’ambiente Giordano Del Chiaro e si declina in 5 azioni: distribuzione di borracce in acciaio agli studenti delle scuole capannoresi; installazione di sei erogatori di acqua negli edifici comunali; eliminazione delle bottigliette di plastica dai distributori automatici presenti nelle sedi comunali; sostituzione di contenitori in plastica con annaffiatoi in zinco nei cimiteri comunali; distribuzione di bottiglie in vetro alle fonti della “via dell’acqua”.

Giordano Del Chiaro progetto stop plastica

“Con questo nuovo progetto mettiamo in campo ulteriori azioni concrete per dimostrare che con l’impegno di ciascuno la riduzione nel quotidiano dell’utilizzo della plastica ‘usa e getta’ è davvero possibile – spiega l’assessore all’ambiente Giordano Del Chiaro -. Con le azioni previste dal progetto ci spingiamo oltre gli obblighi di contrasto all’uso della plastica monouso che provengono dalle direttive europee portando gli edifici comunali ad essere liberi dalla plastica e dando un supporto concreto ai cittadini per ridurne l’utilizzo nella loro vita quotidiana. La plastica ‘usa e getta’ è un materiale altamente inquinante, a maggior ragione se non ben differenziato, di cui dobbiamo imparare a fare sempre più a meno sostituendola con altri materiali riutilizzabili. Proprio a questo mira questo nuovo progetto che prevede una serie di azioni volte a contenere l’uso della plastica monouso per salvaguardare sempre più l’ambiente in cui viviamo. Alcune iniziative come la distribuzione di borracce in acciaio agli studenti delle scuole e l’installazione di erogatori dell’acqua negli edifici comunali hanno già preso avvio e proseguiranno, altre, del tutto nuove, prenderanno il via prossimamente e saranno realizzate entro la fine della primavera. In alcuni casi, come in quello della distribuzione di bottiglie in vetro alle fonti della ‘via dell’acqua’ che intendiamo realizzare con le associazioni del territorio, avranno anche l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini ad usare materiali riciclabili”.

Il progetto

Attualmente è in corso l’installazione di sei erogatori dell’acqua che saranno posizionati al primo piano del palazzo comunale, dove ne è già presente uno, nella sala del consiglio comunale, al polo culturale Artèmisia di Tassignano, al Parco scientifico di Segromigno in Monte, nella sede della polizia municipale e nella sede comunale che ospita il settore scuola e cultura. L’operazione proseguirà con l’eliminazione delle bottigliette in plastica dai distributori automatici presenti nelle sedi comunali andando così a risparmiare l’uso di diverse migliaia di questi contenitori, visto che vengono consumate circa 4500 bottigliette l’anno.

Progetto

In primavera in occasione della ‘Giornata mondiale dell’acqua’ alle fonti della ‘via dell’acqua’, in collaborazione con le associazioni che si occupano di tutela ambientale, saranno consegnati gratuitamente ai cittadini disposti a lasciare le bottiglie in plastica che utilizzano per l’approvvigionamento idrico cestelli con bottiglie di vetro, per un totale di 8.400 bottiglie messe a disposizione dal Comune.

Altra azione di contrasto all’uso della plastica ‘usa e getta’ sarà quella di sperimentare a partire da alcuni cimiteri comunali la dotazione di 50 annaffiatoi in zinco che andranno a sostituire i contenitori in plastica attualmente utilizzati per annaffiare le piante. Infine all’inizio del prossimo anno scolastico continuerà la distribuzione nelle scuole capannoresi di borracce in acciaio di cui finora sono stati dotati circa 900 studenti.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.