Quantcast

Ascit, il servizio ‘Acchiapparifiuti’ diventa interattivo

Gli operatori al momento dell'intervento risponderanno all'utente con l'esito della segnalazione

Una novità per gli utenti che fanno uso del sistema di segnalazione di abbandoni sul territorio servito da Ascit, attivato da alcuni anni per gran parte dei Comuni (Altopascio, Capannori, Barga, Borgo a Mozzano, Coreglia Antelminelli, Porcari, Pescaglia, Montecarlo). Il servizio Acchiapparifiuti, ovvero il numero WhatsApp cui i cittadini inviano le segnalazioni riguardanti situazioni di abbandono di rifiuti, è diventato da oggi interattivo con gli utenti.

Era già possibile segnalare un abbandono al numero WhatsApp di Acchiapparifiuti (348.6001346) inserendo foto, Indirizzo, riferimenti e coordinate relativi al luogo di ritrovamento dell’illecito ed Ascit rispondeva al cittadino con un sms sulla presa in carico della segnalazione, comunicando il numero di protocollo della pratica. La novità del sistema introdotto da alcuni giorni è che, quando gli operatori Ascit si recano sul luogo per risolvere la segnalazione, l’utente riceve anche un riscontro sull’esito dell’intervento.

Questo potrà avvenire sia in caso di esito positivo, ove sia stato possibile rimuovere completamente il materiale, ma anche nel caso in cui non sia stato possibile provvedere alla risoluzione completa (ad esempio per il riscontro di materiale non ritirabile da Ascit o suolo privato). In questi specifici casi al cittadino sarà reso noto il motivo per il quale non sia stato possibile effettuare l’intervento. L’utente riceverà quindi un messaggio che spiegherà l’esito della sua segnalazione o, viceversa, le cause sull’impossibilità ad intervenire.

“Grazie all’uso di questo strumento facilmente utilizzabile da tutti , le segnalazioni di abbandoni pervenute all’azienda sono andate via via aumentando ogni anno – dichiara il presidente Alessio Ciacci – Dal 2017, anno dell’introduzione del servizio su Capannori, in cui l’azienda ha gestito circa 1000 segnalazioni di abbandono, si è passati a trattare oltre 3300 nell’anno 2021, registrando un incremento di 900 sull’anno precedente quando questo servizio è stato esteso ai nuovi comuni”.

grafico andamento servizio acchiapparifiuti Ascit

“Ci auguriamo quindi – spiegano da Ascit – che le sinergie tra l’azienda, le amministrazioni comunali e i cittadini, siano sempre più uno strumento efficace per contribuire a ridurre il fenomeno degli abbandoni illeciti e delle pratiche scorrette di cittadini poco sensibili al rispetto dell’ambiente e del territorio in cui viviamo”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.