Il Cammino di Santa Giulia arriva in Corsica: vicino l’accordo con i comuni della Balagna

La lettera d'intenti sarà firmata sabato (21 maggio) a Livorno durante il Palio dell'antenna

Sabato (21 maggio) durante i festeggiamenti del Palio dell’Antenna, sarà siglata una lettera di intenti per lo sviluppo del Cammino di Santa Giulia nel territorio corso della Comunità dei comuni della Balagna e Isola Rossa.

Una manifestazione d’interesse istituzionale finalizzata alla collaborazione per la progettazione e la realizzazione dell’itinerario del cammino, nei territori dei Comuni della Balagna (Corsica del nord). Questo concretizza un primo passo per valorizzare il patrimonio culturale e tradizionale in comune, legato alla santa martire, tra la Corsica, la Toscana e le altre Regioni coinvolte (l’Emilia Romagna, la Lombardia e la Liguria) attraverso un turismo sostenibile che valorizza l’ambiente e potrà diventare, una volta strutturato, una fonte di sviluppo specialmente per le aree interne, spesso escluse dai flussi turistici.

L’impegno comune si estende anche sulla promozione per mezzo di iniziative ed eventi che andranno a rafforzare i rapporti tra la Toscana e la Corsica, coinvolgendo associazioni e istituzioni locali e regionali. I firmatari sono Monsignor Simone Giusti vescovo di Livorno, il sindaco di Livorno Luca Salvetti, la sindaca di Villa Basilica Elisa Anelli (comune capofila del Cammino di Santa Giulia), Lionel Mortini, presidente della Comunità dei comuni dell’Isola Rossa – Balagna, Anna Tani Brogi governatrice dell’Arciconfraternita S. Giulia Livorno, Carlo Picchietti vice presidente dell’associazione Csg, Agostino Benassi consigliere e rappresentante del Csg Emilia Romagna, Raphaël Quilici in rappresentanza della Confraternita Sant’Antone Abate di Speloncato in Corsica.

In Toscana il progetto Cammino di Santa Giulia è un Prodotto turistico omogeneo regionale dal 2021, attraverso una convenzione ratificata successivamente alle 16 delibere di consiglio comunale delle amministrazioni coinvolte.  Dedicato alla Santa martire in Corsica di cui è Patrona, il cammino così rappresenta un ponte culturale che accomuna tutti i territori in cui si è diffuso ed è tuttora presente il culto, quale patrimonio culturale costituito da testimonianze materiali e immateriali, Pievi, chiese, opere d’arte, confraternite, riti e memorie.

Il programma

L’evento del 21 maggio si terrà in Fortezza Nuova a Livorno durante l’antico palio marinaro dell’antenna che avrà inizio alle 21. Alle 22 ci sarà la postazione delle reliquie mentre alle 22,30 la firma della lettera di intenti che alle 23,30 culminerà nello spettacolo pirotecnico post premiazione.

Per la Festività di Santa Giulia del 22 maggio, sempre a Livorno nella cattedrale di San Francesco alle 9,45 ci sarà il ritrovo con visita alla Certosa di Calci accompagnata dall’associazione Amici della Certosa mentre alle 12 la visita alla Pieve di Santa Giulia Caprona mentre alle 17,30 avrà inizio la messa nella Cattedrale di S. Francesco. Alle 18, 45 ci sarà il corteo e alle 19,45 la deposizione delle reliquie nella chiesa di Santa Giulia con esibizione di canti polifonici corsi delle confraternite della Corsica nella Chiesa di Santa Giulia.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.