Quantcast

Furti nella Piana, Fdi: “Servono più controlli, non le segnalazioni su WhatsApp”

Fantozzi, Petrini e Ricci: "Non si può pensare che siano i singoli cittadini a fare le sentinelle"

“Con l’arrivo della bella stagione che ha spinto tante famiglie ad uscire la sera e durante i fine settimana, si registra una nuova escalation di furti nelle abitazioni della Piana di Lucca. Nuova impennata che certifica il fallimento della giunta Menesini e dell’iniziativa Whatsappiamo in sicurezza, servizio creato dal comune di Capannori nel giugno del 2016 e che permette ai residenti, tramite il social network, di segnalare ai vigili urbani e agli altri componenti del gruppo di ogni singola frazione situazioni sospette così da poter prevenire furti e reati di altro tipo”.
Così il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Vittorio Fantozzi, il consigliere provinciale e capogruppo in consiglio comunale a Capannori, Matteo Petrini, ed il coordinatore comunale di FdI, Paolo Ricci: “La battaglia contro i furti non si combatte tramite Whatsapp, ma con la prevenzione e la deterrenza – scrivono – Per questo chiediamo maggiori controlli delle forze dell’ordine, più telecamere di videosorveglianza e l’apertura di un Commissariato di polizia che possa coprire tutta la Piana di Lucca, compresi i comuni di Porcari, Montecarlo, Altopascio e Villa Basilica. Commissariato che vada ad affiancare i carabinieri presenti in molte frazioni e le pattuglie della polizia municipale”.
“Le forze dell’ordine sono le uniche autorizzate e preparate a contrastare furti e vari reati. Un aumento di organico con tanto di Commissariato di Polizia nella Piana, garantirebbe un maggiore presidio sul territorio. Non si può pensare che siano i singoli cittadini a fare le sentinelle, magari individuando e riconoscendo situazioni di potenziale rischio” concludono gli esponenti di Fratelli d’Italia.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.