Badia Pozzeveri, torna la sagra del cacciucco nel ricordo di Silvano Matteucci e Natalina Dal Cerro

Dieci giorni di festa con ottima cucina, musica e solidarietà: le prime due serate saranno gluten free

Badia Pozzeveri torna a vivere la normalità con dieci giorni di festa. Dopo due anni di stop a causa della pandemia, la frazione del comune di Altopascio si prepara a riabbracciare l’attesa sagra del cacciucco. Un appuntamento ormai storico, organizzato dal Comitato paesano di Badia Pozzeveri, che proporrà tante specialità della cucina di pesce toscana, tra le quali spicca la richiestissima zuppetta alla viareggina, il fritto e l’immancabile cacciucco, che quest’anno sarà possibile degustare tutte le sere dell’evento.

La sagra di Badia Pozzeveri, che quest’anno giunge alla 44esima edizione, aprirà i battenti venerdì prossimo (1 luglio) – con apertura degli stand gastronomici fissata per le 19,30 – e animerà il paese per tutto il fine settimana (2 e 3 luglio). La festa proseguirà il weekend successivo (8, 9 e 10 luglio), che farà da antipasto al gran finale con quattro giorni ricchi di appuntamenti (14, 15, 16 e 17 luglio).

Presentazione sagra del cacciucco badia pozzeveri

La festa “badiale” è stata presentata questa mattina (25 giugno) dalla sindaca di Altopascio, Sara D’Ambrosio, da Roberto Marconi e Giancarlo Masoni, rispettivamente presidente e tesoriere del comitato paesano di Badia, dalla presidente di Avis Altopascio, Ilenia Vettori, e da Nicola Calandriello (Avis Toscana).

Presentazione sagra del cacciucco badia pozzeveri

Una 44esima edizione nel segno del ricordo di due persone che non ci sono più ma che hanno fatto tanto per Badia e che non verranno mai dimenticate: Silvano Matteucci e Natalina Dal Cerro. “La sagra del cacciucco è un’istituzione per Altopascio ed è una grande soddisfazione essere qui a presentarla dopo due anni difficili a causa della pandemia – le parole della sindaca Sara D’Ambrosio -. Un ringraziamento forte va ai badiali, che da sempre credono e lavorano qua più che a casa. Un ricordo secondo me è fondamentale in un momento di festa come questo, a due persone importanti: sono Silvano Matteucci e Natalina Dal Cerro, che per Badia hanno dato tanto e oggi è anche grazie a loro se siamo qui e possiamo ripartire”.

La sagra del cacciucco, oltre all’ottima cucina, rappresenta anche un momento di divertimento e socializzazione grazie alla musica e al ballo: “Ogni sera – racconta Roberto Marconi – si esibiranno gruppi dal vivo. Ad aprire le danze sarà il complesso musicale ‘Maenza’. Ma non solo: nel pomeriggio di giovedì 14 luglio ci sarà l’ottava ‘marcia del cacciucco’, una corsa podistica non competitiva in collaborazione con il ‘Gruppo Sportivo Water Ranning’ di Altopascio. Non è stato facile ripartire dopo due anni di stop, ma adesso finalmente ci siamo: vi aspettiamo alla sagra del cacciucco”.

Tanto spazio anche alla solidarietà: quest’ultimo aspetto rappresenta un ulteriore valore aggiunto della festa di Badia Pozzeveri, che da sempre pone attenzione al sociale, al volontariato e alla possibilità di dare una mano verso chi ha più bisogno. Parte del ricavato sarà infatti donato alla parrocchia di Badia, alla Misericordia e all’Avis. Anche quest’anno, inoltre, saranno presenti i ragazzi di Avis Altopascio per sensibilizzare i presenti sull’importanza della donazione di sangue e plasma. “Il nostro rapporto di collaborazione con il comitato paesano di Badia Pozzeveri è iniziato dal 2017, l’anno di nascita della nostra associazione, e ci ha permesso di crescere e farci conoscere – le parole di Ilenia Vettori -. Una sinergia nell’ottica di un impegno sociale e solidale, per ricordare l’importanza della donazione del sangue in un periodo in cui c’è particolare carenza”.

Le prime due giornate della sagra (1 e 2 luglio), infine, saranno dedicate ai celiaci con due cene completamente gluten free con i prodotti offerti da Nt Food.

Ci sarà anche il fondamentale contributo della Misericordia di Altopascio: “La nostra associazione come tutti gli anni sarà presente anche nelle varie frazioni del comune di Altopascio per offrire assistenza  – commenta Luciano Ortu -. I nostri volontari saranno presenti con un’ambulanza alla sagra del cacciucco a Badia tutte le sere a partire dalle 19,30”.

Per info e prenotazioni: 338.1493140 (ristorante), 348.8930013 (ballo).

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.