Capannori, Piana del Cibo e Slow Food al Salone del gusto

A Torino per promuovere il progetto sulle Food Policy e i più importanti presìdi locali: il fagiolo rosso, il pomodoro canestrino e l'olio extravergine di oliva

La Piana del Cibo, il progetto di sviluppo di un sistema locale del cibo di cui il Comune di Capannori è capofila, insieme alla Condotta Slow Food Lucca Compitese e Orti Lucchesi partecipano a Terra Madre Salone del gusto 2022 promosso da Slow Food che si terrà a Torino, nell’area del Parco Dora, da oggi (22 settembre) al 26 settembre.

Una partecipazione importante possibile, grazie anche al contributo della Camera di Commercio della Toscana Nord Ovest, con cui si intende promuovere il progetto sulle Food Policy e i più importanti presìdi locali: il fagiolo rosso, il pomodoro canestrino, l’olio extravergine di oliva, insieme ai Mercati della Terra. Gli stand della Piana del Cibo e della Condotta Slow Food Lucca Compitese e Orti Lucchesi vedranno infatti anche la presenza di produttori locali di questi presìdi. Il territorio della Piana di Lucca esprime importanti realtà produttive attorno alle quali la Piana del cibo ha sviluppato importanti iniziative, molte delle quali in collaborazione con la Condotta Slow Food Lucca Compitese e Orti Lucchesi, come, ultima in ordine di tempo, la manifestazione Slow Beans svoltasi al mercato di Marlia nel dicembre 2021.

“Terra madre Salone del Gusto è una vetrina eccezionale per la promozione dei prodotti migliori della nostra terra e della Piana del cibo il progetto di gestione coordinata e partecipata delle politiche del cibo tra i Comuni della Piana di Lucca, di cui è capofila Capannori, che in questi anni ha lavorato su temi importanti, tra cui la promozione dei prodotti a chilometri zero, e quindi dei mercati contadini e delle botteghe di vicinato, la sostenibilità delle produzioni e la lotta allo spreco alimentare – spiega l’assessore al distretto dell’economia civile, Francesco Cecchetti -. Questa manifestazione enogastronomica internazionale rappresenta un’occasione imperdibile, perchè si rivolge a platee qualificate ed ampie affinchè queste buone pratiche si estendano e si sviluppino attraverso la nascita di nuovi percorsi di tutela e valorizzazione dei prodotti tradizionali, oltre al fatto che rappresenta un momento significativo di incontro e confronto, coinvolgendo soggetti appartenenti a mondi diversi. Ringraziamo la Camera di Commercio per il suo contributo”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.