Logo
Stampa questa pagina

Micoterapia: funghi alleati della salute

OmbrettaVelottiL’uomo ha compreso sin dall’antichità la potenza dei funghi; ha capito come riconoscere quelli “cattivi”, la cui ingestione può portare anche alla morte, da quelli “buoni”, ottimi a tavola o importanti alleati della salute.
I funghi sono presenti in ogni regione della terra (tranne che nell’area delle calotte polari), e rappresentano l’anello di congiunzione tra il mondo vegetale e quello minerale, tanto particolari, da essere inclusi in un regno a parte: il regno dei funghi o Miceti.

Non sono piante e nemmeno animali, non sintetizzano le sostanze di cui hanno bisogno, ma assorbono le sostanze dall’ambiente; le loro cellule hanno pareti composte da chitina e le loro scorte di amido contengono glicogeno, come nel regno animale. A differenza delle piante , non sintetizzano sostanze complesse da altre più semplici, ma digeriscono sostanze già pronte nel terreno e in questo modo lo rendono fertile in modo naturale e lo depurano da scorie nocive.
Questi microrganismi sono stati usati dall’uomo sin dall’antichità (si ritiene che fossero conosciuti ed utilizzati a scopo curativo sin da 5.000 anni), soprattutto nella cultura orientale. In occidente, il loro utilizzo è più recente e sono considerati dei nutraceutici; alimenti con proprietà curative capaci di mantenere e ripristinare l’equilibrio del nostro organismo.
Oltre a molti sali minerali, vitamine e fibre, i funghi contengono proteine, terpenoidi, polisaccaridi, tra cui betaglucani, ed importanti enzimi. L’effetto più importante sulla salute è quello di essere degli immunomodulanti ovvero dei regolatori del sistema immunitario, grazie soprattutto ai polisaccaridi presenti nel complesso fungino.
I funghi utilizzati per le loro proprietà benefiche sono molti, tra tanti vorrei ricordare il Maitake che in giapponese vuol dire “danza fungo”perché l’ammasso dei suoi corpi fruttiferi ricorda la danza di uno sciame di farfalle, utile come tonico, antipertensivo e antidegenerativo. Uno dei principali utilizzi del Maitake, è anche quello di regolare la glicemia, perché aumenta la sensibilità all’insulina e stimola le cellule ad usare al meglio il glucosio, combattendo l’insulinoresistenza. Ha effetti positivi anche sul metabolismo dei grassi e sulla riduzione del grasso addominale.
Ancora una volta, la natura ci offre preziosi alleati per la nostra salute, rappresentando la più fornita delle farmacie.
I funghi medicinali che ti curano; Edizioni Riza 2015

Ombretta Velotti
biologa nutrizionista

Developed by Note.it.