Quantcast

Dissesto Massarosa, FI: “Situazione critica già dal 2017”

Marchetti e Baroni: "L'incapacità ad amministrare della sinistra non è una giustificazione"

“Dopo aver mandato il Comune di Massarosa a gambe all’aria con tutti i suoi cittadini al triste seguito, direi che la vecchia maggioranza ha perduto il diritto a scherzare e dileggiare. Vengano piuttosto a un confronto pubblico carte alla mano come richiesto dal sindaco Alberto Coluccini, perché il dissesto è certificato, non sognato. Lo spieghino loro, ai cittadini, dove sono andati a finire quegli oltre 10 milioni che oggi non consentono all’attuale amministrazione, carica di idee ed entusiasmo, di attuare i programmi a vantaggio della collettività di Massarosa. Finora, anche in Consiglio comunale, non mi pare che le opposizioni abbiano prodotto atti o iniziative che scongiurassero il dissesto”. Lattacco arriva dal coordinatore provinciale di Forza Italia a Lucca Maurizio Marchetti e dal suo omologo comunale per Massarosa Stefano Baroni.

“Se anche dovessi accogliere, e non ho motivo per non farlo, la tesi dell’ex sindaco che imputa il deficit nelle casse comunali all’incapacità della sua ex giunta di riscuotere i tributi – incalzano Marchetti e Baroni – sarebbe comunque una condotta omissiva e stigmatizzabile come tale. L’incapacità, quando si amministra, non è una giustificazione“.

“A Mungai, al Pd e alle sinistre ricordo che negli ultimi 10 anni sono loro ad avere amministrato. E quindi non si vede a chi altro si debba riferire la responsabilità di aver portato il Comune al baratro. Secondo le relazioni dell’ente e dei revisori dei conti – ricordano i due azzurri – il disavanzo cresce di circa due milioni l’anno e il Comune risultava di fatto già in dissesto dal 2017. La vecchia amministrazione spieghi ai cittadini di Massarosa come mai ha taciuto, lasciando che sull’orlo di quel baratro si dovessero affacciare due anni e alcuni milioni dopo i nuovi eletti, ovvero la nuova maggioranza, il sindaco Alberto Coluccini e la sua giunta. Malgrado tutta la voglia di fare non hanno potuto che prendere atto della situazione non più recuperabile che come tale, ripeto, è stata certificata. Non una cosa dal reame di fantasia, ma un fatto concreto”.

“E ora per paradosso – proseguono Marchetti e Baroni – sempre in concreto tocca proprio al sindaco Coluccini andare frazione per frazione a incontrare i cittadini e illustrare loro numero a numero la situazione che ha trovato e che non gli consente di amministrare alcunché. Non ci sono nemmeno più i soldi per tagliare l’erba alta, per dire… E il Pd, responsabile di questa situazione, sbeffeggia pure? Anche no. Per chi ha mandato Massarosa in dissesto, vietato scherzare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.