Soccorsi in montagna, riesplode la polemica

Vigili del fuoco all'attacco del Sast dopo un soccorso in Garfagnana: "Noi non allertati"

“Speravamo che la conferenza di sabato scorso organizzata dal soccorso alpino e speleologico toscano Lucca dal titolo Soccorso in montagna e in ambiente ostile: sinergia tra soccorso alpino, enti pubblici e mondo del lavoro, tenutasi a Castelnuovo di Garfagnana, fosse l’inizio di una nuova era dopo gli anni bui del passato. Ci eravamo illusi che il soccorso alpino volesse iniziare un percorso costruttivo teso a cooperare nel rispetto delle reciproche competenze con i corpi dello stato tra cui i vigili del fuoco. Purtroppo, a sole 24 dalla conferenza abbiamo appreso che ieri il Soccorso Alpino ha tratto in salvo due escursionisti sulla neve senza allertare i vigili del fuoco”.

Ad evidenziarlo è Nicola Todaro, segretario lucchese del Conapo, il sindacato autonomo vigili del fuoco che spiega: “Per l’ennesima volta, non siamo stati avvertiti nonostante spetti ai pompieri la responsabilità e il coordinamento degli interventi tecnici caratterizzati dal requisito dell’immediatezza della prestazione”.

“Auspichiamo davvero – conclude Todaro – che, in futuro, il contenzioso possa lasciare il posto a virtuose collaborazioni, nel rispetto dei reciproci ruoli e competenze, per offrire una sempre più tempestiva e puntuale risposta alle richieste di soccorso, nel rispetto delle reciproche competenze”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.