Al Palatagliate la Geonova cerca di salire… sull’Olimpo

Il coach: "Contro gli albesi servono energia e sicurezza"

Ventesima partita del campionato di Serie B, quinta di ritorno, un girone che a differenza dell’andata vede la Geonova giocare tra le mura domestiche con molta più frequenza.

Domani (2 febbraio), alle 18 caleranno sul parquet del Palatagliate gli albesi: attualmente si trovano a quota 22 punti in settima posizione, mentre la Geonova è in ottava a 14 punti, 3/2 le vittorie nelle ultime cinque partite, 1/4 per i ragazzi di coach Catalani, che scenderanno in campo ancora con un panchina cortissima non essendo riusciti per adesso a compensare l’assenza dei top-player, presenti fino a poche settimane fa nel roster della Geonova.

Anche se non inserita nella corsa per aggiudicarsi la prima posizione L’Olimpo Basket Alba è squadra da prendere con le molle, a cui bisogna stare molto attenti, hanno indipendentemente dai ruoli, 6/7 terminali offensivi abituati a chiudere le partite in doppia cifra.

Ai ragazzi di Catalani sarà chiesto nuovamente di gettare il cuore oltre l’ostacolo perché sarà dura e faticosa, le loro gambe non hanno ancora eliminato tutto l’acido lattico accumulato nella tiratissima partita di Oleggio che verranno di nuovo sollecitate per il massimo sforzo per arginare e controbattere l’attacco albese.

Catalani come sempre non esprime grosse paure, ne tanto meno è uno facile a cantare vittoria in anticipo, anzi di lui possiamo dire che ha ben piantato i piedi per terra e non lascia nulla al caso, le sue partite sono sempre preparate con la massima cura e attenzione, vagliando ogni aspetto dell’avversario per ricavarne indicazioni da girare ai suoi ragazzi.

“Torniamo a giocare al Palatagliate, di fronte al nostro pubblico e affrontiamo l’Olimpo Basket Alba, formazione che ci precede in classifica ed occupa saldamente la settima posizione – dice il coach -. Sicuramente Alba è una squadra molto ben costruita, con tante soluzioni offensive, ricca di talento, arrivano da una vittoria di misura tra le mura amiche contro Cecina che è stata molto dura nel turno infrasettimanale, sicuramente una squadra che offre tante soluzioni offensive a Jacomuzzi perché possiede ottimi esterni e grande fisicità vicino al ferro”.

“Per quanto riguarda noi dobbiamo riuscire a partire con energia, sicuramente la metà campo difensiva sarà quella su cui dovremmo concentrarci di più per opporci alla fisicità dei nostri avversari e riuscire a mantenere noi il ritmo della gara, cercare di imprimere la velocità e il ritmo che vogliamo per cercare di aggredire per quaranta minuti la squadra avversaria, non sarà semplice, arriviamo a questa partita al termine di una settimana impegnativa con il turno infrasettimanale, come del resto tutte le altre squadre, sicuramente l’energia che metteremo in campo farà tanta differenza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.