Falso avvocato per un falso incidente: truffata un’anziana

L'appello della questura: "Diffidate dalle segnalazioni e usate il cellulare per chiamare le forze dell'ordine"

Ancora una truffa ai danni di un’anziana con la tecnica del finto professionista. È successo a Lucca e sull’episodio indaga la polizia.

Alla donna di San Marco, una 85enne, con una tecnica ormai consueta, sono stati sottratti 1000 euro. 

La tecnica funziona in questo modo: i truffatori contattano la vittima, solitamente su una linea telefonica fissa, e le fanno credere che un suo prossimo congiunto è stato coinvolto in un incidente e che l’assicurazione è scaduta. Pertanto annunciano l’invio a casa di un avvocato a casa della vittima per prelevare quanto possibile per rinnovare l’assicurazione.

I truffatori chiamano sul numero fisso perché durante la truffa, per rendere veritiero il fatto, invitano la vittima a chiudere il telefono e chiamare le forze dell’ordine per avere la conferma. Ma quando la vittima chiude il telefono fisso, i truffatori non chiudono la linea, pertanto quando la vittima rialza la cornetta si trova sempre in contatto con i truffatori che si passano il telefono e si fingono poliziotti o carabinieri.

“Invitiamo quindi i cittadini – questo l’appello della questura – a diffidare da queste segnalazioni e a chiamare immediatamente le forze dell’ordine utilizzando il telefono cellulare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.