Con la droga nell’auto, in manette passeggero di 28 anni

Finito nella rete dei controlli a Pietrasanta del commissariato di Forte dei Marmi

Sorpreso a spacciare, in manette 28enne.

A finire nella rete delle volanti del commissariato di Forte dei Marmi è stato un operaio viareggino durante un controllo a Pietrasanta.

Durante il turno serale percorrendo una strada periferica del Comune di Pietrasanta gli agenti hanno notato un’auto con due persone a bordo che, visto il luogo e l’atteggiamento, hanno destato immediatamente sospetto. Seguiti per un tratto e verificato che si stavano recando in luoghi solitamente frequentati per lo spaccio e l’acquisto di stupefacenti, gli operatori hanno deciso di fermare l’auto e sottoporre a controllo gli occupanti.

Una volta identificati i due sono stati invitati a scendere dal mezzo. Il passeggero, appena sceso, ha cercato di disfarsi di un involucro con la forma di un ovulo di colore scuro che gettava a terra. Notato il gesto è stato subito recuperato dagli agenti, che sospettavano che si trattasse di sostanza stupefacente.

A quel punto passeggero e conducente sono stati perquisiti sul posto. Il 28enne a quel punto consegnava un secondo involucro della stessa forma e tipo, che deteneva all’interno degli slip. Un terzo involucro, identico ai primi due è stato trovato al fianco dell’auto dal lato passeggero, da dove era sceso il giovane.

Condotti al commissariato di Viareggio, per la disponibilità dell’operatore di polizia scientifica, la sostanza è stata sottoposta al narcotest ed è risultata positiva per hashish, del peso complessivo di poco inferiore ai 32 grammi. La droga è stata sequestrata.

Una volta accertata la presenza di sostanza stupefacente sull’auto, con l’ausilio di altri equipaggi, gli agenti hanno proceduto alla perquisizione domiciliare dei due giovani, che ha dato esito negativo.

Mentre il conducente dell’auto è stato rilasciato, il passeggero (che deteneva, di fatto, i tre involucri) è stato arrestato. Il pm di turno, avvisato, ne ha disposto il giudizio con rito direttissimo da celebrarsi al tribunale di Lucca nella mattinata di oggi (14 febbraio).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.