Quantcast

Confartigianato Lucca boccia il decreto Cura Italia

Favilla: "Il rinvio dei pagamenti è solo un procrastinare il problema: serve una terapia choc"

E’ una bocciatura quella che arriva da Confartigianato Lucca nei confronti del decreto Cura Italia.

“Come ci potevamo aspettare – spiega il numero uno Roberto Favilla -, non ci soddisfa affatto come Confartigianato perché le misure in esso contenute sono solo una piccolissima parte di quello di cui hanno bisogno ora, e avranno bisogno nei prossimi mesi, le nostre aziende”.

“L’aver rinviato, almeno per molte aziende – spiega -, le scadenze di marzo al 31 maggio, con la possibilità di rateizzarle in 5 rate, è semplicemente differire un problema di due mesi, perché molte tra le nostre imprese non lavorano, o perché obbligate dalla legge (parrucchieri, estetiste, tatuatori, pizzerie ed altre) o perché non hanno commesse o addirittura non trovano le materie prime”.

Ma Favilla va avanti:

Non crediamo che l’attività lavorativa riprenda dopo il 25 marzo anzi, in quei giorni l’emergenza sanitaria Coronavirus sarà nella sua fase più acuta e non sappiamo – ahimé – quando finirà. Quindi saranno ancora molti che non potranno lavorare e se non lavorano non guadagnano e come fanno a pagare i contributi arretrati, gli stipendi ai dipendenti, l’Iva, i vari mutui e finanziamenti in essere?

“Un aspetto, a prima vista positivo – va avanti Favilla -, è che il decreto vale per tutto il territorio nazionale, ma le varie risorse stabilite per le misure adottate, Cassa integrazione ordinaria, in deroga ecc., valgono per tutte le imprese con il criterio che chi prima presenta la domanda ha più probabilità di essere accolta anche perché nel decreto si dice che le richieste saranno accolte “fino ad esaurimento delle risorse stanziate”.

“È ovvio che le prime a fare domanda saranno le aziende del nord che hanno affrontato questa emergenza covid-19 per prime, e giustamente! Noi – prosegue Favilla – non siamo per la “guerra tra i poveri”ma vogliamo che tutte le aziende artigiane, che hanno anche un fondo proprio, l’Fsba, siano tutelate”.

“Una cosa grida vergogna in questo decreto – insiste Favilla -: la somma prevista una tantum per il mese di marzo agli imprenditori, è di 600 euro,; sì, avete capito bene, questo è il valore che lo Stato, i nostri governanti, ma anche tutti i politici, non mi risulta che qualcuno si sia ribellato, danno agli artigiani, agricoltori, ecc”.

“Eppure – va avanti – quando al ministro Gualtieri il nostro presidente nazionale, Merletti, ha chiesto di abolire, almeno per quest’anno, gli Isa(indicatori di affidabilità) utilizzati per la compilazione del modello unico, gli è stato risposto di no perché lui, Gualtieri, aveva bisogno di certezze per le entrate”.

“Di fronte a siffatti comportamenti come si fa ad avere fiducia nei nostri governanti, come si fa a fidarci che ad aprile – aggiunge – verrà fatta una nuova manovra per affrontare le criticità che nel frattempo saranno emerse? Vorrei che tutti i nostri artigiani fossero al corrente di questi fatti, perché potremmo rispondere questo al governo: ‘se noi valiamo 600 euro al mese sappiamo bene come comportarci nella prossima dichiarazione dei redditi’”.

“Noi siamo d’accordo che ora la priorità sia diminuire i contagi per far sì che tutti possano avere cure adeguate in modo da limitare il numero dei decessi, ma – avverte – senza fare nessun allarmismo, questa non è la semplice influenza di cui ci hanno parlato all’inizio, e siccome noi tutti siamo adulti e responsabili delle nostre azioni, vogliamo sapere la verità, come stanno effettivamente le cose. L’aver minimizzato l’impatto di questo virus, ha fatto sì che troppe persone sottovalutassero la situazione; fino a qualche giorno fa qualcuno scherzava dicendo: è un’influenza starò a casa qualche giorno così mi riposo. Ecco, forse, perché ancora tante persone circolano e non stanno nelle loro abitazioni”.

“Ma consentitemi di tornare sull’argomento – prosegue -. Dopo l’emergenza, quando riapriranno le aziende, poniamoci alcune domande: avranno liquidità per pagare le spese correnti? Troveranno le materie prime per svolgere la loro attività? Come faranno fronte agli investimenti già fatti? Avranno ancora commesse sufficienti a garantire il posto di lavoro ai dipendenti o dovranno fare licenziamenti?”.

“Ricordiamoci – aggiunge – anche che molti, in questi ultimi giorni, hanno dato fondo agli ultimi risparmi che avevano per comprare da mangiare e se hanno consumato le ferie ancora riscuotono lo stipendio, ma fra qualche tempo non ci saranno più soldi per cui si rinuncerà a comprare il superfluo con un ulteriore colpo alla già malconcia economia del nostro Paese”.

“Non voglio essere foriero di brutte sensazioni – continua Favilla – ma se già prima l’incertezza dissuadeva molti da fare acquisti incauti, lo farà ancora di più da ora in avanti. Noi ci stiamo muovendo sul credito anche con il nostro Consorzio fidi regionale per trovare strumenti efficaci e snelli per garantire liquidità alle imprese. Nei prossimi giorni partirà una richiesta alla Regione Toscana per erogare alle imprese, in maniera semplificata, finanziamenti fino a centomila euro. Poi stiamo lavorando perché i mutui siano ulteriormente differiti nel tempo e le rate non pagate vengano messe in coda alle restanti senza aggravio di costi o interessi. Con un altro strumento pensiamo di ottenere finanziamenti con un preammortamento di 6 mesi e fare un nuovo finanziamento in sostituzione di uno o più deteriorati”.

“Nel ribadire – termina Favilla – che ora servirà veramente una manovra shock, e non solo 25 miliardi di euro, invitiamo le aziende con dipendenti messi a casa per coronavirus e che sono iscritte e pagano l’Fsba, a presentare domanda per utilizzare questo ammortizzatore sociale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.