Manifattura sud, parla la Fondazione Crl: “Un’opportunità di sviluppo per l’intera città” foto

Il presidente Bertocchini ha presentato il progetto in assemblea dei soci. Sul Baluardo nuove sedute, un'area per lo sport e un punto ristoro: "Ma è il Comune ad approvare le ipotesi"

Manifattura sud, la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca difende il progetto con Coima Sgr. E lo fa davanti all’assemblea dei soci con le parole del presidente Bertocchini. Una risposta indiretta alle polemiche delle ultime settimane che si sono diffuse in città, rivolte in particolare al Comune, accusato di poca trasparenza nell’operazione

Una proposta di rigenerazione urbana dalla quale potranno nascere spazi destinati a uffici, appartamenti e attività commerciali e artigianali, con il recupero di quasi 30mila metri quadrati fra superfici chiuse, aree pedonali – coperte e scoperte – e con la dotazione di importanti servizi e infrastrutture, tra cui un sistema diffuso di parcheggi con 425 posti auto pubblici.

Sono queste le parole con cui la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca presentò, lo scorso mese di febbraio, il progetto di riqualificazione e valorizzazione dell’area dell’ex Manifattura esclusa dal programma Piuss (Piano integrato di sviluppo urbano sostenibile). Parole che il presidente Marcello Bertocchini ha ripetuto nei giorni scorsi durante l’assemblea dei soci dell’ente di San Micheletto, nel ricordare i capisaldi della grande operazione che la Fondazione intende realizzare attraverso Coima Sgr. “Una partnership – sottolinea oggi Bertocchini – che rappresenta una vera e propria garanzia, in aggiunta alla credibilità che mi auguro si voglia riconoscere alla Fondazione, per tutto quello che ha fatto in questi anni per il territorio e nell’interesse dell’intera comunità provinciale: enti pubblici, volontariato, enti sanitari e assistenziali, mondo della scuola, della cultura, dello sport e del terzo settore”.

Coima, infatti, ricorda la Fondazione, è una società leader nell’investimento, realizzazione, sviluppo e gestione di patrimoni immobiliari. “Fra le iniziative recenti più importanti – si legge nella nota dell’ente di San Micheletto – ricordiamo il progetto Porta Nuova a Milano, uno dei più prestigiosi piani di riqualificazione urbana d’Europa. Sempre questa società, inoltre, ha elaborato Coima City Lab Charter, un codice etico che stabilisce le linee-guida per lo sviluppo responsabile dei progetti urbanistici, che dovranno essere sempre più a servizio del bene comune, creare un’identità di appartenenza, generare un senso di “luogo”, integrarsi con il territorio, seguirne l’evoluzione e contribuire a creare un ambiente più sano, anche attraverso la promozione della biodiversità e della cultura green”.

“Ad esempio, si parla insistentemente, in queste settimane, di cosa accadrà al baluardo di San Paolino, secondo la proposta di project financing presentata da Coima – si legge nel testo della Fondazione –  L’obiettivo, così come si evince dal progetto, è di integrare il baluardo con il resto della manifattura e di aprire alla città i nuovi spazi recuperati, in particolare attraverso il baluardo ed un nuovo passaggio di collegamento con le mura in prossimità della casermetta, per comporre un sistema di aree pedonali aperte al pubblico, continue e permeabili“.

“Il progetto, inoltre – dice ancora la Fondazione – prevede la sistemazione del verde esistente, con l’ampliamento del sistema di ombreggiatura e l’integrazione di nuove aree fruibili dalla cittadinanza quali – a titolo di esempio – l’inserimento di nuove sedute, un’area attrezzata per lo sport e la cultura, un punto di ristoro e piccoli servizi per incentivare la sosta. Il gestore inoltre assume l’obbligo di manutenzione e cura delle aree pubbliche oggetto di concessione”.

“L’obiettivo è quello di rendere il baluardo di San Paolino ancor più attrattivo e farlo diventare una “destinazione” nel consueto percorso lungo le mura – spiega la Fondazione – A questo scopo, attraverso un’apposita concessione, la Fondazione si propone di organizzare numerose attività ed eventi di carattere culturale, musicale, sportivo e sociale, ampliando così l’offerta di servizi e occasioni di aggregazione per la cittadinanza. Il tutto, secondo le linee indicate dalle best practice, e cioè dalle pratiche migliori applicate nel mondo per la gestione dei maggiori parchi cittadini, declinandole comunque nel rispetto della storicità dei luoghi e della tradizione lucchese”.

“Anche questo – conclude la Fondazione – nello spirito della piena ‘restituzione’ alla città, di un bene che è e resterà della comunità lucchese, la quale potrà fruire della mura come è sempre accaduto. Peraltro, le stesse attività che saranno proposte dovranno in ogni caso essere approvate e condivise anticipatamente dal Comune“.

Chi è Coima

È una piattaforma leader nell’investimento, sviluppo e gestione di patrimoni immobiliari per conto di investitori istituzionali. Fra i progetti più importanti, Coima ha co-investito, co-sviluppato e gestisce ancora oggi il progetto Porta Nuova a Milano, vincitore, fra l’altro, dell’European property awards 2015-2016.

Porta Nuova è uno dei maggiori progetti di rigenerazione urbana d’Europa e consiste nella riqualificazione di un’area centrale rimasta abbandonata per oltre 40 anni. Oggi, Porta Nuova è un centro nevralgico di collegamento fra i quartieri Garibaldi, Varesine e Isola e si estende su una superficie complessiva di oltre 290mila metri quadrati. Il piano pedonale continuo, di oltre 160mila metri quadrati, include il terzo parco per grandezza di Milano, Giardino di Porta Nuova – Biblioteca degli Alberi.

La società è promotrice del Coima City Lab, una think tank, un laboratorio di idee che  ha l’obiettivo di tracciare le linee guida per la creazione degli spazi urbani del futuro, sia per i progetti che saranno promossi da Coima stessa, sia come contributo culturale allo sviluppo del territorio italiano.
 Coima City Lab è composto da architetti e professionisti con esperienza internazionale e specifiche professionalità e competenze nella progettazione delle città: Stefano Boeri (Stefano Boeri Architetti), Elizabeth Diller (Diller Scofidio + Renfro), Gregg Jones (Pelli Clarke Pelli Architects), Lee Polisano (Plp Architecture), Carlo Ratti (Carlo Ratti Associati), Cino Zucchi (Cza Cino Zucchi Architetti) e il senior management di Coima.

Il gruppo di lavoro ha elaborato Undertaking for great cities, una carta che stabilisce le linee guida per lo sviluppo responsabile dei progetti urbanistici del futuro.


Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.