Irrompono a colpi di insulti nella sede della Lega dopo una riunione

Due giovani identificati dalla polizia chiamata dagli esponenti del Carroccio

Poco dopo la mezzanotte, alla conclusione di una riunione di coalizione, nella sede della Lega per Salvini Premier a Torre del Lago Puccini, si sono introdotti due giovani, “che hanno iniziato – raccontano gli esponenti del Carrocchio – a pronunciare frasi provocatorie, sfociate in veri e propri insulti nei confronti delle immagini e dei simboli appesi alle pareti del locale, indirizzate al partito in generale e concentrate sulla figura di Matteo Salvini“.

A raccontare l’episodio è la consigliera Maria Domenica Pacchini, che era presente all’accaduto con il consigliere Alessandro Santini, Alberto Pardini e altri due iscritti: “Alla conclusione dell’assemblea, mentre i rappresentanti della coalizione stavano andando via due giovani si sono introdotti all’interno della sede e hanno cominciato a indirizzare, senza alcuna ragione epiteti pesanti, sulle immagini e i simboli affissi alle pareti, che man mano indicavano. Invitati cortesemente a uscire, non volevano sentire ragioni, per cui è stato necessario chiamare le forze dell’ordine. Quando i due hanno realizzato che si trovavano in ambito “privato” e stava arrivando una volante, sono usciti, continuando però a provocare, fino all’arrivo della pattuglia che ha provveduto ad allontanarli e identificarli“.

“A nome di tutto il gruppo – conclude Pacchini – mi faccio portavoce dei ringraziamenti alla pattuglia della polizia di stato del commissariato di Viareggio che tempestivamente ha raggiunto la sede ed ha operato con estrema perizia e professionalità riportando alla calma la situazione. Ci riserviamo nei prossimi giorni di valutare la possibilità di sporgere querela nei confronti dei due disturbatori“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.