Quantcast

Capezzano Pianore riparte dalla Promozione e punta sul vivaio

Alla guida c'è Riccardo Coli. Puntelli, Romanini e Pizza le 'chiocce' di un gruppo di giovani

Per Riccardo Coli il Capezzano Pianore non è solo la squadra che allena ma è anche una questione di cuore, di famiglia. Per lui quello che andrà ad iniziare sarà il quinto anno consecutivo sulla panchina. “Ho iniziato 4 anni fa su questa panchina era la stagione 2015-16. Ma ho quasi sempre gravitato in questa società. Ho fatto tutta la trafila da giocatore, ad assistente fino a quando mi è stata affidata la conduzione tecnica”.

In questo percorso netto, nello scorso campionato avete rispettato i pronostici della vigilia.
“Lo scorso anno c’eravamo mossi per un campionato da protagonisti, la rosa era di valore. Quando è arrivato lo stop per la pandemia avevamo 4 punti di vantaggio sul Meridien a sei giornate dalla fine, avendo vinto gli scontri diretti all’andata e al ritorno”.

La vostra è stata una campagna acquisti a costo zero. Avete attinto dalla vostro vivaio.
“Servivano in prima squadra giocatori esterni e centrali e questi ruoli scoperti abbiamo ritenuto opportuno portare in prima squadra dei ragazzi provenienti dai nostri allievi. Per fare un esempio Checchi può essere un jolly. Siamo riusciti a ricreare a distanza di anni una squadra juniores provinciale nella quale conferiscono nuovi ragazzi e altri allievi che già c’erano. Ma non è detto che durante l’anno non possa andare a pescare nella nostra juniores”.

Avere in rosa tre totem con Puntelli, Pizza e Romanini facilita il lavoro.
“Sono ragazzi dal passato in Eccellenza e in categoria superiore. A Pizza dicevo sempre che in questa categoria non c’incastrava niente. Ce ne sono altri in questa squadra. Il tasso d’esperienza non manca”.

Che differenze pensa di incontrare nel salto di categoria.
“Rispetto alla Prima Categoria ci sono squadre più organizzate con allenatori più preparati. E’ un campionato dove il tasso tecnico è maggiore e l’aspetto fisico conta. In sostanza c’è più qualità”.

Il suo sistema di gioco.
“Ho quasi sempre adottato il 4-3-1-2 potendo contare su giocatori capaci di ricoprire più ruoli”.

In un girone a composizione ridotta.
“Un campionato che non ti permetterà di compiere passi falsi. Non sappiamo ancora quale sia il numero delle partecipanti. Sappiamo solo che è un girone ridotto formato o da 13 o da 14 squadre e non sappiamo dove saremo collocati. Una cosa è certa dobbiamo fare punti subito”.

Dove volete arrivare.
“Per come è strutturata la società l’obbiettivo è quello di mantenere la categoria. Il nostro settore giovani ha bisogno di avere una prima squadra che partecipi a un campionato importante. Non sarà semplice ma in seguito vedremo se potremo raggiungere qualcosa di più”.

Riccardo in panchina e il padre Ivo alla presidenza. Ragione o sentimento.
“Ogni tanto qualche diverbio per vedute differenti ci scappa. Tutto poi torna tranquillo, è stato così anche nei momenti difficili. In genere nei colloqui a tre tra me, lui e il direttore Dario Calamari, mio padre si astiene”.

Magari suo padre è quello che l’ha spinta a fare l’allenatore.
“No. È stata una mia scelta. Questa passione l’ho sempre avuta, tanto che oggi non solo alleno la prima squadra ma anche i bambini, i quali sono e saranno sempre il bello del calcio. Il tecnico della prima squadra Adami mi chiese di fare il secondo, poi è stato il direttore Calamari a darmi le redini della squadra insieme a Riccardo Belluomini. Mio padre è presidente di questa società da trent’anni e in tutti i miei passaggi calcistici non ha mai preso posizione”

Prima di tutto la salvezza.
“Speriamo che tutto vada per il meglio. L’annata scorsa l’abbiamo vinta con il nodo alla gola senza poterla festeggiare sul campo. Speriamo di uscire da questa emergenza il prima possibile. Spero che tutti abbiano la salute”.

I campionati si possono vincere, il virus va ancora debellato completamente.

Capezzano Pianore 2020-21

Portieri: Lorenzo Bartelletti, Federico Puntelli

Difensori: Davide Romanini, Edoardo Togneri, Francesco Caniparoli, Alessandro Meucci classe 2003 dagli Allievi Regionali, Alessio Da Mommio classe 2003 dagli Allievi Regionali, Manuele Longobardi classe 2003 fine prestito dagli Allievi Forte dei Marmi, Giacomo Motroni, Alessio Franchi classe 2002

Centrocampisti: Samuele Pizza, Alessio Maestrelli, Mattia Pacini, Federico Domenici, Samuele Grossi classe 2000, Leonardo La Rosa classe 2002 fine prestito al Pieve Fosciana, Fabio Gigliotti classe 2001, Tommaso Checchi classe 2003 dagli Allievi Regionali

Attaccanti: Davide Pisani, Lorenzo Fiaschi, Marco Iardella, Lorenzo Patti classe 2003 fine prestito dagli Allievi Forte dei Marmi

Staff tecnico

Allenatore: Riccardo Coli

Allenatore in seconda e juniores: Luca Pitanti

Preparatore atletico: Gianluca Di Cola

Preparatore dei portieri: Paolo Pardini

Massaggiatore: Valeriano Rugani

Dirigenti accompagnatore: Mauro Vanni, Paolo Leoncini, Michele Ceragioli, Massimiliano Franchi

Direttore sportivo: Dario Calamari

Presidente: Ivo Coli

Allenamenti congiunti

2 settembre alle 20,45 Capezzano – Real Forte Querceta campo Cavanis

5 settembre alle 20,30 Capezzano – Forza e Coraggio 2014 (formazione inserita nel campionato di Promozione Ligure) campo Cavanis

9 settembre alle 20,30 Capezzano – Tau Calcio Altopascio campo Cavanis

12 settembre alle 20,30 Capezzano – Corsanico campo Cavanis

16 settembre alle 20,30 Fortis Camaiore – Capezzano campo Cavanis

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.