Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Pirateria, la Guardia di finanza oscura oltre 5mila siti e canali Telegram

Trasmettevano illecitamente contenuti protetti in tutto il mondo. I pagamenti degli abbonamenti avvenivano anche tramite criptovalute

Oscurati oltre cinquemila siti illegali di live streaming e canali Telegram che trasmettevano illecitamente contenuti protetti in tutto il mondo.

I pagamenti degli abbonamenti avvenivano anche tramite criptovalute.

Quindici degli indagati, pur lucrando ingenti somme dalla propria attività illecita, percepivano il reddito di cittadinanza.

L’indagine, partita da Napoli, ha rigurdato tutto lo Stivale e altri paesi esteri tra cui Malta, Spagna, Germania, Bulgaria, Grecia, Lituania, Slovenia, Svezia, Belgio, Romania, Olanda e Francia.

Il nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche della guardia di finanza, in sinergia con la Polpostale, ha concluso l’operazione The perfect storm a contrasto al fenomeno della pirateria audiovisiva attraverso la trasmissione non autorizzata su rete internet, la Iptv.

In contemporanea con la riproduzione di numerosi eventi on demand, tra cui partite di calcio dei principali campionati europei, centinaia di migliaia di incauti utenti che avevano stipulato contratti di abbonamento con le Iptv pirata, hanno all’improvviso visualizzato sui propri dispositivi un pannello che li avvertiva che il sito tramite il quale stavano illegalmente visionando il programma era stato sottoposto a sequestro.

Complessivamente è stata data esecuzione a una misura di custodia cautelare in carcere, il sequestro e la confisca per equivalente di oltre 10 milioni e mezzo di euro, il sequestro di 334 account PayPal destinati a raccogliere i profitti dell’attività

Le attività  della finanza sono state svolte sull’intero territorio nazionale ed in altri 12 paesi membri e in ulteriori 5 paesi extra Ue (Usa Regno Unito, Russia, Ucraina e Svizzera)

In un momento già gravemente segnato dalle difficoltà derivanti dalla pandemia di Covid 19, le fiamme gialle stimano che siano stati persi oltre 6mila posti di lavoro proprio per effetto di questi fenomeni criminali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.