Quantcast

Ospedale Versilia, Fantozzi e Dondolini (Fratelli d’Italia): “Grave carenza di personale e scarsa manutenzione”

I due consiglieri, regionale e comunale denunciano una situazione precaria del nosocomio di Lido di Camaiore

“Sembra che la drammatica situazione dovuta al Covid non abbia insegnato niente ai vertici di Regione e Asl. Le migliaia di contagi, registrati anche in Versilia, hanno messo in evidenza come, soprattutto negli ospedali di certe dimensioni, sia necessario uno specifico reparto riservato alla cura delle malattie infettive”.

E’ quanto affermamo il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Vitttorio Fantozzi e il collega consigliere comunale di Viareggio Marco Dondolini.

“All’ospedale Versilia, nonostante le richieste e gli appelli dei sindacati, l’Asl ha fatto sapere che un reparto specifico non serve. Eppure si tratta di un presidio sanitario che è andato in grave sofferenza nei mesi scorsi anche per un’endemica carenza di personale. Inoltre, in tutte le altre zone della Asl Nord Ovest un reparto malattie infettive è presente da tempo. Ma non è soltanto una questione emergenziale ma, come ribadito da medici e dal Fials, è necessario avere in pianta stabile un idoneo personale dedicato ed almeno una decina di posti letto a disposizione””

“A più riprese, con interrogazioni, ho sollecitato la Regione, ho scritto anche una lettera a Giani e Bezzini. Il personale dell’Ospedale Unico della Versilia è sottoposto ad un carico di lavoro stressante e debilitante, una carenza che la pandemia non ha fatto che acuire – afferma Fantozzi -. La gestione degli ospedali dipendeva spesso dal ricorso agli straordinari del personale visti i tagli effettuati anno dopo anno. Durante i mesi più duri della pandemia si sono verificate situazioni inaccettabili: con il boom di accessi molti pazienti rimanevano in attesa di un letto per ore, l’attività veniva rallentata e si era perciò costretti a trasferimenti in altri presidi sanitari”

“Preoccupa anche il deterioramento dello stabile – fa notare Dondolini –  per la situazione di pericolosità che può arrecare a utenti e personale. Assurdo che una struttura nata per essere modernissima e comprensoriale abbia corridoi esterni esposti con impianto elettrico sottoposto ad intemperie, fili elettrici penzoloni, pannellature al soffitto sistemate in modo precario. Per non parlare del parcheggio auto dei dipendenti, chiuso da troppo tempo a causa del possibile cedimento di mattonelle e calcinacci. Una situazione che è stata risolta imponendo semplicemente la rinuncia all’utilizzo di tale spazio invece che provvedere alla tempestiva messa in sicurezza”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.