Quantcast

Altopascio, parte la volata per D’Ambrosio-bis: “Il prossimo mandato è quello della crescita” foto

Presentate le prime due liste a sostegno della sindaca uscente: ecco i candidati del Pd e di 'Sara D'Ambrosio sindaco'

“Ogni giorno, tutti i giorni, grandi insieme”. È questo lo slogan di Sara D’Ambrosio, candidata sindaco per il comune di Altopascio per il mandato bis.

Una “volata” partita questa mattina (6 settembre), dalla sede del comitato elettorale, in cui la sindaca uscente ha presentato ufficialmente le prime due liste e i rispettivi candidati che la sosterranno alle elezioni amministrative del prossime 3 e 4 ottobre: la lista civica Sara D’Ambrosio sindaco, una novità, e il Pd. Un totale di 28 candidati, di cui 12 sono del Pd che ha deciso di “puntare sulla qualità, non sulla quantità”. Peculiarità ed esperienze diverse, età diverse e composite, ma un unico obiettivo: lavorare per riconfermare l’attuale sindaca, Sara D’Ambrosio, alla guida di Altopascio.

Altopascio, 4 liste per Sara D’Ambrosio: ci sono anche i verdi e socialisti

A presentare la nuova lista civica, Sara D’Ambrosio sindaco, è l’assessora uscente e capolista Martina Cagliari: “È veramente emozionante ritrovarsi qua dopo 5 anni, con la consapevolezza di avere un bagaglio di esperienza sicuramente cresciuto. È un’emozione essere qui accanto a Sara: il nostro, il mio sindaco, con il quale abbiamo lavorato come squadra in questi 5 anni. Sono orgogliosa di essere la capolista della lista che porta il suo nome. Abbiamo iniziato questo percorso insieme 5 anni fa e la squadra si è rinnovata con il tempo, è cresciuta, e vede in questa la rappresentazione di tutte le sensibilità e di tutte le peculiarità del gruppo che si è formato in questi anni. Nella lista Sara D’Ambrosio sindaco troverete sicuramente professioni ed esperienze diverse. Una lista nuova, che non esisteva nel 2016, e che rappresenta il concetto di gruppo, un cerchio, con tutti i temi che hanno rappresentato il nostro mandato e che rappresenteranno il futuro della nostra amministrazione. Il rosso rappresenta la cultura, il turismo, la promozione del territorio, un punto di forza di questa amministrazione in discontinuità con la precedente; il giallo è il commercio, il cuore pulsante del nostro territorio; il rosa è il sociale, lo sport, la scuola, temi su cui abbiamo lavorato in maniera forte; il verde è la sostenibilità, l’ambiente, la cura del territorio, un tema che ci sta molto al cuore e che caratterizzerà anche i prossimi 5 anni. Infine c’è il blu, la sicurezza: un paese più bello e vivo rende Altopascio più sicura”.

Presentazioni liste Pd e Sara D'Ambrosio sindaco elezioni Altopascio

La parola passa alla candidata per il bis, Sara D’Ambrosio: “In questi anni abbiamo fatto un gran lavoro di ricostruzione, perché questo non è un Comune semplice. Anzi, è complesso: chi dice che si amministra in due ore dopo cena afferma una cosa non vera, questo va detto. Prendersi un impegno di amministrare e fare il sindaco di Altopascio significa farlo con serietà e impegno costante, tutti i giorni come dice il nostro slogan. Dopo i primi 5 anni, oggi ci presentiamo con un percorso molto più ampio. I temi di 5 anni fa erano ‘dobbiamo far uscire Altopascio dall’isolamento, dobbiamo farlo tornare ad essere un paese vivo’: oggi questi argomenti non li uso più, è un punto messo, lì, fermo, è un dato di fatto. Il prossimo mandato è quello della crescita, che permetterà ad Altopascio di consolidare alcuni aspetti fondamentali. E per farlo c’è bisogno di persone capaci e serie. È un onore avere una lista con il mio nome, è una novità per Altopascio. È una lista civica, io sono un candidato civico e questo permette di guardare l’amministrazione comunale in modo laico: chi amministra deve rappresentare tutti, senza tifoserie. Siamo fan solo di Altopascio, il nostro Comune”.

La candidata tocca i primi importanti temi del programma: “Abbiamo da fare ancora tanto, dovremo lavorare molto e a testa bassa su quello che ancora manca: siamo un Comune da15mila abitanti con servizi scolastici che oggi sono a norma, ma che non sono sufficienti. Abbiamo bisogno di aumentare l’offerta per i nostri ragazzi, Altopascio è in continua espansione e c’è bisogno di servizi e attenzioni per i più deboli. Altopascio è un paese in grandissimo rilancio, la prospettiva è buona e solida: via Cavour, per esempio, oggi è piena di negozi, è un dato di fatto. Le saracinesche sono alzate e questo vuol dire tanto in un Comune che 15 anni fa era una piccola Fillungo. Sulla sicurezza: in questi anni abbiamo lavorato molto in sinergia con le forze dell’ordine e c’è chi ora cerca, in modo pretestuoso, di dire che Altopascio è un bronx. È un errore dire questo, fai del male ad Altopascio. Tuttavia non va sottovalutato un problema che esiste nel nostro Comune, come nel resto d’Italia. Sulle assunzioni della polizia municipale: abbiamo fatto un concorso e hanno partecipato 11 persone, alla faccia di chi dice che da Altopascio si scappa. Altopascio è un paese che attrae. Queste sono persone, non tutte e 11 naturalmente, che potranno entrare a lavorare qua. Scuola media, palazzetto dello sport, scuola di Badia Pozzeveri: tutte opere che verranno realizzate nei prossimi 5 anni, alla faccia di chi dice che non verranno fatte. Chi afferma ciò è perché non ha a cuore Altopascio. Fare queste opere significa dare una svolta decisiva: la scuola media di Altopascio ha bisogno di una sezione in più, il Bama basket è costretta ad andar via. I soldi e i progetti ci sono, mancano solo i cantieri che saranno realtà nei prossimi anni. Una cosa ci tengo a dirla: quando si fanno le cose non si fanno necessariamente tutte giuste, ma il non fare ci ha portato ad un immobilismo totale. Il nostro obiettivo è quello di fare, il non fare non ci appartiene”.

In mattinata è stata presentata anche la lista del Partito Democratico attraverso le parole del candidato, nonché vicesindaco uscente, Daniel Toci. Il Pd ha deciso inserire il nome della sindaca, Sara D’Ambrosio, nel simbolo per sottolineare l’appoggio completo al progetto. Ammontano infatti a 12 milioni di euro le risorse vinte in questi cinque anni, che hanno consentito ad Altopascio di avviare progetti importanti (palazzetto dello sport, nuova scuola media, nuova scuola elementare di Badia, 200mila euro per la progettazione della circonvallazione), che vedranno finalmente la luce nei prossimi anni.

“Possiamo dire di avere una lista composta da uno zoccolo duro di esperienza – le parole di Daniel Toci -. Un’esperienza amministrativa che è partita più di 10 anni fa con Sara D’Ambrosio, con un nucleo storico – composto da me, Giovanni Pippi, Ilaria Sorini – che ha lavorato per costruire un’alternativa che, dopo un percorso faticoso, ha portato alla vittoria nel 2016. In lista ci sono candidati con esperienza amministrativa e che portano esperienze importanti dal mondo produttivo, per esempio. Sono tutte persone che arricchiscono la nostra lista, che è politica. La nostra lista svolge tre ruoli importanti: il primo punto è la continuità amministrativa. I nostri candidati sono la garanzia per la continuità su questioni fondamentali come il piano delle opere pubbliche. Il mandato al Marchetti lo abbiamo scritto noi – afferma Daniel Toci in modo ironico -. Il prossimo mandato, infatti, porterà avanti la semina fatta in questi anni. Un’eredità molto ambita per circa 10 milioni di euro di opere che verranno realizzate nel prossimo mandato. Il secondo aspetto è il ruolo che questa lista ha nelle relazioni con gli altri enti. Come Pd abbiamo interlocutori a tutti i livelli: Comuni, della Piana e non, Provincia, Regione e Governo. Rapporti fondamentali: oggi un Comune da solo non va da nessuna parte. Il terzo punto riguarda il simbolo: abbiamo voluto inserire il nome di Sara, come fatto nel 2016, un marchio di lealtà verso il sindaco e il programma. Sulle altre liste compaiono nomi che con Altopascio non hanno niente a che fare come Meloni e Salvini: il nome del Marchetti sulla lista di lega e Fdi non lo troverete. L’apporto del Pd è funzionale all’azione di governo di Sara D’Ambrosio, senza secondi fini e spazi politici da occupare”.

Presentazioni liste Pd e Sara D'Ambrosio sindaco elezioni Altopascio

Sara D’Ambrosio punta sulla circonvallazione, progetto fondamentale per la viabilità del territorio che dovrà andare a braccetto con il sottopasso: “Sono molto contenta di presentare la lista del Pd – afferma -, in questi anni abbiamo lavorato molto per mantenere unita una coalizione di persone che appartenesse al centrosinistra. Il Pd c’è, è presente ed è uno di quegli elementi che dà continuità e prospettiva. Sul tema raddoppio ferroviario e circonvallazione in questi anni è stato fatto un lavoro importante a livello provinciale e regionale. Il Pnrr ci dà la possibilità di parlarne ancora più concretamente. In passato non si è presa mai una posizione certa e chiara. Adesso c’è la possibilità concreta di fare entrambe le opere, ci vuole coraggio per risolvere il problema: la soluzione è sottopasso per i mezzi leggeri, circonvallazione per tutti gli altri mezzi. Entrambe le opere sono fondamentali, vanno fatte insieme. Noi continueremo a muoverci: prima di noi il Comune era fermo e immobile. Da oggi parte il tour: per un mese saremo tutti i giorni in un posto diverso del territorio, per ascoltare le persone. Andiamo noi dalla gente, con piccoli gruppi e in sicurezza. E con l’umiltà che ci contraddistingue”.

Presentazioni liste Pd e Sara D'Ambrosio sindaco elezioni Altopascio

Alla presentazione presente anche il segretario territoriale del Partito Democratico e sindaco di Borgo a Mozzano, Patrizio Andreuccetti: “In questi anni ho visto grande capacità di crescere e allargare la squadra, con grande attenzione alla manutenzione del territorio e alla cultura. Oggi, dopo 5 anni di ottimo governo, c’è chi vorrebbe tornare indietro. Una visione che non guarda avanti: io dico che c’è bisogno di guardare al futuro, con capacità di esserci anche grazie ai rapporti con le altre istituzioni. Il dialogo è fondamentale: le barricate non portano alla realizzazione di opere che rappresentano un salto di qualità per il territorio. Meloni e Salvini non c’entrano niente con il territorio di Altopascio. Noi sosteniamo Sara, con convinzione”.

Il tour elettorale e la presentazione in piazza

Tutti i giorni, fino al 30 settembre, Sara D’Ambrosio sarà in giro sul territorio con l’inziativa “Il sindaco a casa tua”: va direttamente a casa della gente, in ogni frazione, in ogni località, in ogni via del territorio: un modo anche per garantire sicurezza alle persone ed evitare situazioni di assembramento. Venerdì (10 settembre) in piazza Ricasoli ci sarà la cena con presentazione del programma e della squadra di Sara D’Ambrosio sindaco. Cena offerta a chiunque voglia partecipare. Per prendere parte alla cena (inizio alle 20) bisogna avere il green pass e bisogna prenotare a questo numero: 3773594051. Chi non ha il green pass ma vuole comunque partecipare alla presentazione, può presentarsi in piazza direttamente alle 21 per ascoltare la presentazione (in questo caso l’ingresso è libero).

Le prime due liste e i candidati

Sara D’Ambrosio sindaco

Simboli liste Sara D'Ambrosio sindaco centrosinistra Altopascio

Martina Cagliari, 29 anni, assessore uscente alla cultura e al turismo
Gianfranco Allidi, 69 anni, ex bancario in pensione
Giuseppina Barontini detta “Pina”, 53 anni, operatrice Anffas
Marco Giuseppe Ciranna, 51 anni, oltre 25 anni di esperienza nel settore delle vendite
Valentina Bernardini, 39 anni, insegnante
Adamo La Vigna, 45 anni, assessore uscente al commercio, eventi e promozione del territorio
Federica Biagetti, 43 anni, dipendente di un bar e presidente Ccn Spianate
Francesco Marzano, 52 anni, informatore farmaceutico e consigliere comunale uscente
Mery Castello, 19 anni, studentessa
Francesco Mastromei, 49 anni, titolare agenzia immobiliare
Martina Mandroni, 23 anni, studentessa e giocatrice di pallacanestro
Alessio Minicozzi, 24 anni, studente, catechista e impegnato nel volontariato
Vittoria Marranzini, 48 anni, insegnante e consigliera comunale uscente
Alessandro Remaschi, 69 anni, assessore uscente al bilancio
Rina Romani, 71 anni, storica pediatra altopascese
Graziano Salvucci, 70 anni, pensionato

Partito Democratico

Simboli liste Sara D'Ambrosio sindaco centrosinistra Altopascio

Daniel Toci, 31 anni, assessore uscente ai lavori pubblici, alla pianificazione del territorio e all’ambiente
Ilaria Sorini Simoni, 41 anni, assessore uscente alle politiche sociali, alle bambini e ai bambini, all’istruzione
Giovanni Pippi, 63 anni, pensionato e consigliere comunale uscente
Alessandro Silvestri, 57 anni, libero professionista
Belinda Misso, 25 anni, studentessa
Giacomo Manfredi, 38 anni, programmatore informatico
Massimiliano Moretti, 54 anni, responsabile qualità di un’azienda del territorio
Monica Meccariello, 46 anni, dipendente azienda del territorio
Enrico Pinna, 40 anni, responsabile formazione in un’azienda del territorio di Altopascio
Annunziata Calamia detta “Nancy”, 54 anni, vicedirigente dei vigili del fuoco
Andrea Gioffredi, 51 anni, si occupa di lavoro e formazione
Ancuta Dabija detta “Anna”, 47 anni, tirocinante operatrice socio-sanitaria

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.