Menu
RSS

Vicino: sentivo grida, poi una donna è corsa in strada

IMG 1353Aveva paura a rientrare in quella casa. Si sarebbe sfogata così, con gli inquirenti e il personale dell'ospedale dove ha trascorso la notte, la compagna di Roshan Silva, l'aiuto cuoco trovato morto stamani nella sua abitazione di via del Toro. Gli inquirenti pensano ad un omicidio preterintenzionale scaturito durante una lite, ma al 'film' di come si è consumata la tragedia mancano ancora molti fotogrammi. Tutto, secondo quanto è emerso, sarebbe iniziato ieri sera (16 aprile) attorno alle 22,30.

Leggi tutto...

In fiamme cabina elettrica, blackout a S.Concordio

d70c3d25 e453 41b4 a316 31be0672c514Un blackout improvviso dell'energia elettrica ha interessato fin dalle 9 di oggi (17 aprile) l'isolato compreso tra via Fornacette e viale San Concordio, interessando abitazioni private e attività commerciali della zona. Tra queste, la concessionaria Audi Center Terigi, che ha immediatamente allertato i tecnici di Enel distribuzione per risolvere il problema.

Leggi tutto...

Il nipote della vittima: in quella casa continue liti

IMG 1331"C'erano continue liti in quella casa". Il nipote di Roshan Silva, l'ex aiuto cuoco trovato morto nel suo appartamento di via del Toro a Lucca questa mattina (17 aprile) arriva sotto la casa del delitto incredulo (Leggi). E' insieme ad altri parenti, si chiama Lahiru e vive anche lui da tempo in città. "Non crediamo che sia accaduto davvero, e non sappiamo perché sia stato possibile che accadesse ma i rapporti di mio zio con i suoi coinquilini non erano buoni", racconta.

Leggi tutto...

Omicidio Iacconi, confermate condanne primo grado

manueleiacconiLa corte di assise di appello di Firenze ha condannato a 18 anni di reclusione Alessio Fialdini e a 15 anni e 8 mesi Federico Bianchi, i due 23enni accusati dell'omicidio di Emanuele Iacconi, l'uomo di 34 anni di Piano di Mommio morto dopo essere stato aggredito a colpi di casco a Viareggio la notte di Halloween del 2014. La corte, accogliendo la richiesta della procura generale, ha confermato la pene inflitte in primo grado agli imputati dal tribunale di Lucca con rito abbreviato. Iacconi fu aggredito da altri due ragazzi, all'epoca dei fatti minorenni e già condannati.

Leggi tutto...

Spari nell'uliveto, Zappelli da ieri in carcere

Conferitovitianadanna definitiva per l'uomo che il 7 novembre del 2015 sparò in un uliveto di Vitiana a Gianfranco Barsi, rendendolo paraplegico. Ieri (16 aprile) è stato eseguito l'arresto nei confronti di Marco Zappelli, il cacciatore responsabile del gravissimo ferimento, dai carabinieri di Ponte a Moriano, che hanno eseguto l'ordine di esecuzione della carceraione. Il provvedimento era stato emesso in mattinata dal tribunale di Lucca, ufficio esecuzuoni penali per l'espiaione della pena a 12 anni e due mesi di reclusione, emessa dalla Corte d'Appello di Firenze e dopo l'inammissibilità del ricordo da parte della Cassazione. La condanna è dunque divenuta definitiva e l'arresto è stato eseguito nell'abitazione dello Zappelli, già detenuto ai domiciliari.

Leggi tutto...

Ex militare e aiuto cuoco trovato morto in casa - Ft e vd

di Roberto Salotti
Schermata 2019 04 17 a 14.07.51Lo hanno trovato a terra, in camera da letto, con delle ferite ai polsi e traumi su altre parti del corpo che soltanto sulle prime hanno fatto pensare ad un suicidio. Sono bastati pochi elementi agli inquirenti e un primo esame della scena da parte del medico legale per fugare ogni dubbio: quella in un appartamento di via del Toro in centro storico era la scena di una morte violenta. Una morte sopraggiunta a quanto pare non per le ferite trovate a braccia e polsi della vittima, ma forse per una serie di traumi compatibili con una aggressione brutale, a mani nude e con l'utilizzo di qualche oggetto usato come arma. Il copione di un omicidio preterintenzionale, secondo gli inquirenti che con questa ipotesi hanno aperto un fascicolo in attesa che l'autopsia chiarisca le cause della morte. Il sospetto degli investigatori è quello di essersi trovati di fronte ad una lite finita nel peggiore dei modi. Un delitto inizialmente avvolto in un giallo che la polizia è ormai vicina a sciogliere. I due coinquilini di Roshan Silva Kalukankanamalage, ex militare 50enne e attualmente aiuto cuoco originario dello Sri Lanka, ma abitante a Lucca da circa 15 anni, sono stati infatti fermati e condotti in questura dove gli investigatori della squadra mobile diretti dal commissario Silvia Cascino e coordinati dal sostituto procuratore Salvatore Giannino, li hanno torchiati per ore. Negli uffici di via Cavour è stata condotta, per essere ascoltata, anche la compagna del cuoco, trovato senza vita attorno alle 9 al primo piano di un palazzo al civico 21 di via del Toro, in pieno centro storico a Lucca. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter

skodametano720nopa