Giovane aggredita in centro: preso il rapinatore

di Roberto Salotti
E’ stato inchiodato dalle telecamere di un parcheggio privato, ripreso mentre rubava una bicicletta, a due ore dalla rapina di cui era rimasta vittima una giovane di 21anni, figlia di un noto penalista lucchese e residente in via della Fratta, in zona San Francesco. Pieno centro storico: è l’1,45 della notte fra martedì e mercoledì. Il bandito aggredisce la giovane per rubarle un Iphone 5s, ferendola e procurandole lesioni giudicate guaribili in 10 giorni (Leggi). Meno di due ore dopo il rapinatore, sfuggito alla polizia chiamata da alcuni abitanti della zona, colpisce ancora. Nascosto in un parcheggio di un condominio in via della Fratta, ruba una bici e si allontana. In meno di 24 ore gli uomini della squadra mobile, diretti da Virgilio Russo, lo arrestano scovandolo al Luna Park e placcandolo, dopo un inseguimento sull’argine del fiume Serchio, attorno all’1,30 di stanotte. 

Un’indagine lampo quella chiusa brillantemente dalla polizia: in manette è finita una vecchia conoscenza della squadra mobile, Issam El Arfaoui, 21 anni, marocchino, già residente a Segromigno in Piano e arrestato in passato per un presunto giro di spaccio. E’ stato riconosciuto anche dalla vittima della rapina, dall’abbigliamento ma soprattutto da alcune cicatrici al volto e ad una spalla che la giovane aveva notato durante la colluttazione che c’era stata la notte precedente con il malvivente. Un elemento decisivo per inchiodare il presunto rapinatore, colpito da un fermo di polizia giudiziaria firmato dal magistrato di turno, Aldo Ingangi, è stato fornito anche da un poliziotto della sezione reati contro il patrimonio della squadra mobile. Fuori servizio, ieri mattina ha notato nei pressi del bar Morino, in viale Castracani, una bicicletta sospetta. Arrivato in questura si è reso conto che si trattava di quella rubata nel parcheggio privato di via della Fratta dal rapinatore della giovane 21enne. Le indagini degli investigatori a quel punto si sono concentrate su quei video e in breve è stato formato l’identikit del presunto rapinatore. Recuperata la bicicletta lasciata nei pressi del bar Morino, gli investigatori hanno iniziato la caccia all’uomo. Attorno a mezzanotte, il sospettato è stato individuato al Luna Park. Era all’autoscontro quando gli agenti si sono avvicinati per arrestarlo. Il giovane è riuscito a fuggire verso l’argine del fiume ma la polizia ha cinturato l’intera zona, riuscendo a bloccarlo poco dopo. Ora è accusato di rapina, lesioni, resistenza a pubblico ufficio e furto aggravato.

{youtube}OuOHVsuhKvc{/youtube}

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.