Quantcast

Processo strage, Favilla accusa Moretti in aula

Mauro Moretti, quando era amministratore delegato di Ferrovie, minacciò, in una sede istituzionale, “di licenziare tutti i ferrovieri che avrebbero contestato i problemi della sicurezza”. Lo ha detto l’ex assessore della Provincia di Lucca, Emiliano Favilla, che ha testimoniato al processo per la strage di Viareggio, del 29 giugno 2009. Il 14 settembre di quell’anno, ha raccontato Favilla, Moretti partecipava ad una riunione in Regione Toscana, convocata dall’allora presidente Claudio Martini, per fare il punto sulle conseguenze del disastro ferroviario. “Lui fece prima un ragionamento generale – ha detto in aula Favilla – poi sul ferroviere Riccardo Antonini che era stato intervistato da Repubblica qualche giorno prima  disse molto concitato: quello lì lo licenzio, lo licenzio.”, ha continuato Favilla, che ha ricordato come a quell’incontro parteciparono, tra gli altri, l’allora vicepresidente della Provincia di Lucca, Patrizio Petrucci, l’allora sindaco di Viareggio, Luca Lunardini e vari funzionari delle Ferrovie. Durante l’udienza, l’avvocato che difende Fs, Armando D’Apote, ha chiesto che sia sentito, in merito a questa vicenda, Claudio Martini. Il giudice si è riservato di decidere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.