Quantcast

Controlli a Viareggio: un espatrio e due fogli di via

Nel corso del fine settimana i poliziotti di quartiere di Viareggio hanno effettuato una serie di controlli alle persone che si trattengono in piazza Mazzini, talvolta chiedendo soldi ai cittadini che parcheggiano le proprie auto. Durante tale servizio, un 52enne di origine marocchina, già condannato dalla corte di appello di Bologna per spaccio di stupefacenti, è risultato destinatario di un provvedimento di espulsione, emesso nel settembre del 2015 dalla prefettura di Forlì Cesena.

A carico dello stesso è stata avviata da parte dell’ufficio immigrazione della questura di Lucca la procedura per l’accompagnamento alla frontiera ed è stato accompagnato all’aeroporto di Bologna e rimpatriato nel proprio paese.
Nella stessa piazza, mentre si aggiravano tra le autovetture in sosta sono stati controllati anche un uomo di 44 anni residente a Firenze e una donna di 25 anni domiciliata a Bologna, sul conto dei quali sono emerse numerose denunce per lesioni, violenza privata, ricettazione, detenzione di stupefacenti, rapina, furto.
Identificati anche un 27enne e un 31enne, di origine napoletana, appena giunti in città dal capoluogo campano. Entrambi scarcerati di recente e gravati da numerose denunce per danneggiamento, lesioni personali, rapina e furto, tra cui anche il furto con strappo di orologi di rilevante valore economico, sono stati accompagnati in commissariato e allontanati con foglio di via obbligatorio e divieto di fare ritorno nella città di Viareggio per tre anni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.