Lucca, aumentano i furti in casa ma calano le rapine

Calano i reati commessi in Lucchesia, ma continuano ad aumentare i furti in abitazione, che la vera piaga su scala provinciale, seppure con distinzioni marcate da zona a zona. E’ questa, in estrema sintesi, la fotografia scattata dal Sole 24 Ore che questa mattina ha pubblicato le statistiche della criminalità. In generale, è da segnalare un traguardo positivo: nel 2015 in provincia i reati sono calati del 6,8% e Lucca è scesa di una posizione nella classifica nazionale, passando dall’undicesimo al dodicesimo gradino rispetto al 2014 (Leggi). Un dato complessivo che è in linea con la tendenza nazionale, che segna anch’essa un decremento degli episodi del 7%. In Toscana è seconda soltanto a Firenze – che si trova al settimo posto con 57.989 reati denunciati (con un calo comunque del 5,8) – e Prato la cui ottava posizione segnala un decremento dei delitti del 4,8%.

A Lucca, tra le città toscane, c’è da segnalare il calo più vistoso di episodi di criminalità ma la media parla di circa 56 reati denunciati al giorno. Quanto ai furti in abitazione, Lucca continua a vantare un primato negativo, collocandosi al terzo posto nella classifica nazionale, con 2.846 episodi, un 3,5% in più rispetto al 2014: dati che significano anche 727 colpi ogni 100mila abitanti. Ma su questo quadro pesa soprattutto il dato della Versilia, dove specie in estate i reati contro il patrimonio crescono con il crescere della popolazione presente. In un anno Lucca ha scalato tre postazioni, passando dal sesto gradino al terzo a livello nazionale.
Furti e rapine. Per quel che riguarda il numero di furti complessivi (voce in cui si fanno rientrare anche scippi e borseggi) la Lucchesia resta comunque nella top ten, sebbene con un vistoso calo di episodi (-6,6%). Scendendo nel dettaglio dei reati contro il patrimonio si scopre che nel 2015 in provincia di Lucca c’è stata un’escalation degli scippi, cresciuti del 35% rispetto all’anno precedente. Aumentati anche i borseggi, di circa il 4,85%: un dato che conferma la tendenza del 2014, anno in cui i furti con destrezza erano cresciuti del 5,1%, con 361 casi ogni 100mila abitanti. Invertita invece la tendenza che sempre nel 2014 aveva visto un calo dell’11 dei raid nelle case. I furti totali sono stati 13.278, circa 3.394 secondo i dati elaborati dal noto quotidiano economico, ma il calo più drastico si è avuto in quelli che hanno riguardato esercizi commerciali e che hanno fatto registrare un -26% di episodi. Sono diminuiti anche i furti di vetture, con un -7,41%. Migliora anche il dato sulle rapine, che stando ai dati pubblicati dal Sole 24 ore sono calate in Lucchesia dell’11,37%.
In generale i reati denunciati sono stati 20.741, circa 5.302 ogni 100mila abitanti, ma da noi non si registra l’escalation di truffe e frodi informatiche, come confermato invece a livello nazionale. In provincia di Lucca semmai i raggiri sono stati di meno, circa -2,72 rispetto al 2014.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.