Ex parrucchiere muore dopo la caduta da una scala

Non ce l’ha fatta. Roberto Rosati, 57 anni, di San Donato è morto qualche ora dopo essere caduto da una scala, mentre stava sistemando una tettoia fuori dalla sua abitazione di via Vecchia Seconda. L’operatore ecologico di Sistema Ambiente e ex parrucchiere è scomparso lasciando nella disperazione la moglie e i suoi cinque figli. Troppo gravi le ferite riportate in un incidente domestico in cui è rimasto coinvolto ieri pomeriggio (13 settembre) attorno alle 18.

Stando ad una prima ricostruzione, l’ex parrucchiere sarebbe salito su una scala per fare alcuni lavoretti ad una tettoia sul retro della sua casa, quando è scivolato precipitando. A chiamare i soccorsi erano stati i familiari presenti ma a nulla è valsa la corsa dei soccorritori. L’ambulanza lo ha condotto al pronto soccorso dell’ospedale San Luca in condizioni che erano apparse fin da subito disperate. A preoccupare di più era stato il trauma cranico riportato nella brutta caduta e qualche ora dopo, attorno alla mezzanotte, è spirato.
Con un ultimo grande gesto d’amore. La famiglia di Roberto ha infatti dato l’ok per l’espianto degli organi. Rosati era molto conosciuto a Lucca. Diversi anni fa aveva un negozio di parrucchieri a Borgo Giannotti. Dopo aver chiuso questa attività, Rosati aveva trovato lavoro in Sistema Ambiente, diventando operatore ecologico. I funerali si svolgeranno sabato (16 settembre) nella chiesa di San Concordio.

rob. sal.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.