Perseguita la ex, stalker denunciato tre volte

Le dinamiche sono tragicamente simili, cambiano i nomi e i luoghi ma le vittime sono donne e i carnefici uomini che non si rassegnano alla fine della relazione e iniziano a dare il tormeno all’altra metà. Spesso con violenza e alcune volte con conseguenza fatali. Uno dei drammi dei nostri tempi. Adesso un uomo residente in un Comune della Valle del Serchio rischia l’arresto per violazione di un’ordinanza del giudice all’interno di un’indagine sull’ennesimo caso di stalking.

Spetta al gip del tribunale cittadino decidere in merito alle richieste degli inquirenti che sono basate sulle risultanze investigative a seguito di ben tre denunce. Secondo quanto è stato ricostruito, nel mese di dicembre dello scorso anno la donna aveva posto fine alla relazione sentimentale e da quel giorno è iniziato il suo calvario fino alle denunce presentate a maggio e una terza di pochi giorni fa.
L’uomo sin dall’inizio ha manifestato tutto il suo dissenso verso la decisione dell’ex findazata in un crescendo, per gli inquirenti, sempre più ossessivo e preoccupante. In un primo momento sono scattate telefonate insistenti per chiedere continue spiegazioni, poi è passato ai messaggi a raffica, e man mano che la donna faceva ulteriori passi indietro rispetto alle richiste di dialogo e di incontro le insistenze sono diventate sempre più asfissianti e moleste. Poi sono iniziate le offese sui social ma non contento l’ex ha iniziato e pedinarla e seguirla nella più classica delle escalation riguardanti i casi di stalking. In poche settimane l’ex compagno si era trasformato in un persecutore. Appostamenti sotto casa e davanti al luogo di lavoro, pedinamenti per le vie del paese fino all’esasperazione creando secondo gli inquirenti, uno stato di ansia e preoccupazione tale da far temere per le propria incolumità fisica e psicologica. Il centro anti violenza a cui si era rivolta la donna, convinta a denunciare l’ex compagno, aveva consigliato addirittura la sistemazione in una casa protetta ma la donna si era rifiutata per via degli impegni di lavoro. Ma l’ex non si è dimostrato per nulla spaventato dalla minaccia di denuncia: dopo l’ennesimo preoccupante episodio, temendo il peggio, la donna ha deciso di rivolgersi alle forze dell’ordine. Stando a quanto raccontato dalla vittima, l’uomo nell’ultimo episodio si era avvicinato alla sua ex compagna e davanti a testimoni aveva imprecato contro di lei sputando a terra, insultandola e minacciandola. Gli inquirenti a seguito di queste denunce e delle indagini dei carabinieri avevano chiesto e ottenuto dal gip il diveto di avvicinamento alla donna e ai luoghi di sua frequentazione. Ma dopo soli tre giorni l’uomo si è invece avvicinato nuovamente alla donna dopo averla pedinata a lungo e l’ha di nuovo minacciata se non fosse tornata insieme a lui. Sembra a questo punto inevitabile vista la violazione dell’ordinanza del giudice la richiesta di aggravamento delle misure cautelari che ora saranno decise dal gip. La donna è supportata sia dal centro anti violenza che da amici e parenti perchè l’uomo che le sta rendendo la vita un inferno con suoi comportamenti ha messo in agitazione decine di persone, oltre alla vittima. E fare i conti con queste paure non è mai facile.

Vincenzo Brunelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.