Morde e prende a pugni agenti: venditore in manette

Venditore abusivo prende a morsi e pugni i poliziotti che lo volevano fermare su una spiaggia del Forte. Gli agenti sapevano benissimo che si trattava di un tipo violento, perché volto già noto alle forze dell’ordine e lo hanno avvicinato con estrema cautela ma non c’è stato nulla da fare. E’ scoppiata la violenza da parte di Hicham Saad, residente a Viareggio ma di origini marocchine.

Sulla spiaggia di Forte dei Marmi gli agenti avevano notato nel pomeriggio di ieri (8 agosto) che il cittadino straniero stava vendendo merce varia attingendo da un grosso borsone che aveva con sé. L’uomo alla vista della polizia ha provato a nascondersi dentro alcune cabine presenti in quel tratto di spiaggia di proprietà di un noto bagno della zona ma gli agenti lo hanno raggiunto facilmente e con la massima attenzione gli hanno intimato di fermarsi e di consegnare il borsone con la merce. Ma l’uomo ha da subito dato in escandescenze e appena i due poliziotti si sono avvicinati a lui li ha prima morsi con violenza alle braccia e poi ha abbassato la testa e caricato gli agenti come un toro infuriato pronunciando offese e minacce di varia natura.
I poliziotti hanno quindi iniziato le manovre di immobilizzazione per procedere all’arresto ma hanno prima dovuto schivare numerosi tentativi di essere colpiti con pugni e schiaffi. L’uomo a quel punto si è gettato letteralmente sul borsone urlando a squarciagola.
Solo dopo l’arrivo di una seconda pattuglia e dei sanitari del 118 si è riusciti ad ammanettare il cittadino marocchino che è stato portato in carcere in attesa delle decisioni della magistratura. L’uomo dovrà rispondere dei plurimi reati commessi in un solo pomeriggio di follia e violenza. Nel borsone c’erano circa 70 sciarpe di seta contraffatte di vari noti marchi delle più importanti case di moda italiane e internazionali.

v. b.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.