Truffe a anziani, finto avvocato si fa pagare in oro

Incredibile truffa messa a segno da una banda di professionisti a Pietrasanta. Malviventi che si fingono avvocati del foro di Lucca e si fanno consegnare da un’anziana donna 1000 euro in contanti e diversi oggetti in oro per un valore di oltre 6000 euro. Ora è caccia aperta ai truffatori.

I maghi della truffa sono sempre al lavoro e in questo caso, come in tanti altri purtroppo, sono riusciti a convincere la vittima attraverso un vecchio sistema che evidentemente ancora “funziona”. Le forze dell’ordine oltre alle attività repressive cercano in tutti i modi di avvisare quante più persone possibili di non credere mai a chi chiede soldi, per un qualunque motivo, per quanto verosimile, e di avvisare 112 e 113 prima di consegnare denaro ma c’è chi continua a cadere nelle trappole dei truffatori. L’anziana donna finita nei mirino alcuni giorni fa aveva ricevuto una telefonata da un numero fisso di Viareggio, (che però corrisponde a un noto e frequentato locale pubblico della Versilia) e dall’altro capo del telefono un signore le aveva detto di essere l’avvocato d’ufficio del figlio, incaricato dal Tribunale di Lucca, e che purtroppo il ragazzo aveva investito un bambino con l’auto. Ora per tirarlo fuori dai guai bisognava pagare le multe visto che il bambino non aveva riportato grossi danni. L’anziana donna ascolta preoccupata queste informazioni avvalorate dal fatto che l’uomo al telefono diceva di essere proprio in commissariato e le aveva passato al telefono un rappresentante delle forze dell’ordine. Tutto finto ovviamente ma la donna ci crede. A quel punto i truffatori passano all’azione. Il finto avvocato dice che avrebbe mandato un suo collaboratore in pochi minuti a casa dell’anziana per ritirare il denaro, circa 7500 euro. Questa la cifra che la donna deve tirar fuori per risolvere il problema del figlio.
Ma la donna ha solo mille euro in contanti e a quindi chiede come poter fare a quell’uomo che credeva fosse l’avvocato del figlio. Semplice, vanno bene anche oggetti in oro o argento. Incredibile ma vero. Dopo circa venti minuti si presenta alla pota dell’abitazione il fantomatico collaboratore di studio del finto legale che ritira i mille euro in contanti e vari monili in oro per circa seimila euro per un totale di oltre 7000 euro. Tanto basta per tirar fuori dai guai il figlio. Questo viene fatto credere all’anziana signora che solo dopo un’ora decide di chiamare il figlio per sapere se tutto era andato bene e scoprire si essere stata raggirata e truffata. Le forze dell’ordine e la magistratura stanno letteralmente dando la caccia alla banda di truffatori a partire dall’identikit fornito dalla vittima e altri indizi a disposizione.

Vincenzo Brunelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.