Palestra low cost tarda ad aprire, clienti infuriati

La palestra? Ci sarà ma, per ora, non si vede. Ma dopo mesi di annunci i potenziali clienti si sono stufati di aspettare. La vicenda riguarda una ormai arcinota (e ultrasponsorizzata sui social) promozione per la futura apertura di una palestra a Pontetetto, nello spazio accanto al Mercatone 8. Un prezzo assai allettante quello di lancio, perché prevede il pagamento di 19,90 euro al mese per ingressi illimitati alla struttura aperta 24 ore al giorno, comprensivi non solo dell’attrezzistica ma anche di sauna, bevande, lampade abbronzanti, massaggio relax, pedane vibranti e corsi di gruppo. Una promozione, che si annuncia valida per i primi 100 iscritti, che è attiva dallo scorso ottobre e che ha convinto molte persone, forte anche del fatto che il marchio, Fit Express, è noto ed è titolare di molte realtà ben avviate in Toscana e in Italia.

Il problema è che i tempi per l’apertura si sono dilatati. Inizialmente, infatti, si parlava di dicembre, poi di gennaio, infine l’inaugurazione slitta febbraio. Ecco allora che coloro che hanno pagato l’abbonamento (un anno di anticipo più la tessera di iscrizione e la caparra per il badge di ingresso) hanno deciso di chiedere conto della situazione. E per farlo hanno creato un gruppo Whatsapp per decidere cosa fare per il futuro. I clienti, infatti, lamentano poca chiarezza sulle tempistiche di apertura, visto che ancora non c’è ombra di lavori nella struttura. “Vogliamo – dice il portavoce di questo gruppo autoconvocato di potenziali clienti, che si è anche rivolto a un avvocato – una data di apertura ufficiale e un modulo di rimborso. Da mesi hanno i nostri soldi e vogliamo essere liberi di decidere”.
Intanto la promozione continua, ma inizia a crescere anche lo scetticismo. E chi ha già pagato spera di non dover finire, invece che in sala pesi, in un contenzioso a carte bollate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.