Sversamento di gasolio, individuato responsabile

Inquinamento in porto, si mobilita la capitaneria di porto. Dalle barche all’ormeggio alla banchina Maestri d’ascia e calafati questa mattina (6 febbraio) a Viareggio si poteva avvertire un forte odore di gasolio.

I militari della Guardia Costiera sono intervenuti sia a terra che in mare, con il gommone Gv A78, individuando immediatamente una grossa chiazza di carburante in estensione.
Fortunatamente, l’emergenza è stata subito contenuta attraverso il posizionamento di panne galleggianti ed assorbenti; il successivo intervento del battello ecologico disinquinante Staf 1 della ditta Ecoboatservice sas, operativa nel porto di Viareggio per conto dell’autorità portuale regionale, ha consentito di recuperare e smaltire in breve tempo la sostanza inquinante.
Dagli accertamenti effettuati, i militari sono risaliti alle cause ed al responsabile: è stato infatti appurato che il gasolio sversato, circa 40 litri, proveniva da una imbarcazione di 12 metri all’ormeggio, presumibilmente a causa di un improvviso guasto al filtro del motore.
Al proprietario dell’imbarcazione, attraverso l’apposito atto di diffida per l’immediata risoluzione della problematica, saranno quindi poste a carico le spese dell’eseguita bonifica degli specchi acquei portuali interessati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.